Trattative coi datori di lavoro in stallo,
lo sciopero dei carpentieri va avanti

di corriere canadese del May 13, 2022

VAUGHAN - Il Carpenter's District Council of Ontario, United Brotherhood of Carpenters and Joiners of America, annuncia che lo sciopero provinciale dei carpentieri nel settore industriale, commerciale e istituzionale nel settore edile continuerà.

Ieri (giovedì), il sindacato e i datori di lavoro hanno discusso al riguardo. Il sindacato ha chiarito ai datori di lavoro di essere disposto a tornare al tavolo delle trattative per riprendere i negoziati nella giornata di oggi, venerdì 13 maggio, o nel fine settimana o in qualsiasi giorno della prossima settimana, perché l'Unione vuole che questo sciopero si concluda con il raggiungimento di un accordo il prima possibile a causa del grave impatto finanziario che lo sciopero stesso sta avendo sull'industria e su tutti gli abitanti dell'Ontario.

"Purtroppo - afferma il sindacato - i datori di lavoro hanno deciso che non possono incontrarci oggi o la prossima settimana perché hanno bisogno 'di più tempo per raccogliere dati da presentare al sindacato' prima di riprendere i negoziati".

"È estremamente deludente che questo gruppo di datori di lavoro voglia tenere in ostaggio milioni (se non miliardi) di dollari in costruzioni, gran parte dei quali coinvolge infrastrutture critiche, solo perché sono impreparati", ha affermato Mike Yorke (nella foto sopra), il Presidente e Direttore degli Affari Pubblici e dell'Innovazione del CDCO.

I Carpenters comprendono le gravi conseguenze che questo ritardo comporta per l'economia dell'Ontario. Il settore edile è vitale, impiega oltre 500.000 lavoratori e vale oltre 50 miliardi di dollari all'anno. Gli sviluppi in stallo delle infrastrutture hanno un impatto su tutti gli abitanti dell'Ontario, compresi i membri del CDCO che desiderano disperatamente tornare al lavoro per poter provvedere alle loro famiglie.

“Questa è una notizia estremamente deludente per tutti noi della Carpenters' Union", ha continuato Yorke. “L'interruzione di questi negoziati per 12 giorni o anche più a lungo avrà un effetto estremamente dannoso in tutto l'Ontario. I mezzi di sussistenza dei nostri membri sono stati colpiti e chiediamo che i datori di lavoro tornino al tavolo delle trattative il prima possibile per risolvere questa situazione prima che peggiori”.

“Continueremo a spingere per l'aumento salariale che riteniamo i nostri membri meritino. Date le attuali circostanze economiche nella nostra provincia, riteniamo che sia giusto che i salari riflettano il costo della vita alle stelle, l'inflazione e la crisi dell'accessibilità degli alloggi che tutti stiamo vivendo. Comprendiamo anche che abbiamo la responsabilità nei confronti degli abitanti dell'Ontario di porre fine a questo sciopero il prima possibile. Ecco perché siamo pronti a tornare immediatamente al tavolo delle trattative e raggiungere un accordo per risolvere questa sfortunata situazione. Ci aspettiamo che i datori di lavoro prendano altrettanto seriamente le loro responsabilità nei confronti degli abitanti dell'Ontario e si impegnino a riprendere immediatamente i negoziati”, ha aggiunto Yorke.

Il Consiglio distrettuale dei carpentieri dell'Ontario ("CDCO") è composto da 17 sindacati locali affiliati alla Fratellanza unita dei carpentieri e falegnami in tutta la provincia. In totale, rappresentano circa 25.000 donne e uomini che lavorano in un'ampia gamma di mestieri qualificati, tra cui falegnameria, cartongesso, pavimenti resilienti, casseforme in calcestruzzo, costruzioni subacquee, saldatura, impalcature e un lungo elenco di altri lavori relativi all'edilizia.

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.