L’inflazione picchia duro,
allarme fame

di Mariella Policheni del 20 May 2022

TORONTO - L’inflazione corre. Con l’aumento del 6,8% registrato ad aprile sempre più canadesi potrebbero essere a rischio fame. È l’allarme lanciato da molti esperti dal momento che - conti alla mano - la busta paga non basta ad assicurare una vita dignitosa. I generi alimentari hanno raggiunto prezzi stellari, c’è il rischio reale di non riuscire a mettere in tavola il cibo.

Valerie Tarasuk, docente di scienza dell’alimentazione all'Università di Toronto, ritiene che l'aumento dei tassi di inflazione potrebbe facilmente causare in Canada l'insicurezza alimentare. “La conseguenza è che le preoccupazioni finanziarie spingeranno le persone a ridurre le dimensioni dei pasti, saltare i pasti o persino passare un giorno o più senza mangiare”, dice Tarasuk.

In base ai dati di Statistics Canada il costo complessivo del cibo è aumentato dell'8,8% rispetto a un anno fa: ad aprile i canadesi hanno pagato il 9,7% in più per gli alimenti nei negozi alimentari, l'aumento più grande dal settembre 1981.

Rispetto a un anno fa, il costo della frutta fresca è aumentato del 10%, le verdure fresche dell'8,2% e la carne del 10,1%. Il prezzo del pane è salito del 12,2%, la pasta ha subito un rincaro del 19,6% e il riso del 7,4%. “Mentre tutti i consumatori avvertono gli aumenti non indifferenti quando debbono pagare il conto al supermercato, questi numeri destano particolare preoccupazione per le persone a basso reddito che sono meno in grado di assorbire gli aumenti dei prezzi, costringendo alcuni a scendere a compromessi a scapito delle loro esigenze dietetiche - ha affermato Tarasuk - con l'aumento dei prezzi delle materie prime di base, è molto preoccupante pensare che abbiamo una fascia così ampia della popolazione canadese che non è in grado di sostenere gli aumenti”.

L'indagine sul reddito canadese del 2020 ha rilevato che l'11,2% dei canadesi viveva in famiglie con un'insicurezza alimentare moderata e grave mentre il 4,6% aveva sperimentato un'insicurezza alimentare marginale.

Le preoccupazioni per essere in grado di mettere costantemente cibo in tavola sono un problema persistente in Canada, ha affermato Tarasuk, e poiché i livelli di reddito sono più indietro rispetto all'inflazione, la situazione può facilmente peggiorare. “L'insicurezza alimentare è una ‘condizione tossica’ che viene associata a problemi di salute fisica e mentale - ha detto Tarasuk - poiché i costi crescenti minacciano di ingrandire le fila delle persone che sperimentano l’insicurezza alimentare e di aggravare lo stress su coloro che la stanno già vivendo, l'inazione su questo problema potrebbe avere conseguenze per il sistema sanitario e l'aspettativa di vita”.

Nel frattempo alcuni banchi alimentari hanno riferito che durante la crisi del Covid-19 l'impennata dei prezzi alimentari ha causato un repentino picco della domanda per i loro servizi. “Questa è una crisi nella crisi - ha affermato Neil Hetherington, ceo di Daily Bread Food Bank - questo tasso di inflazione si traduce in pasti di cui le persone rimarranno senza”. Questa banca del cibo che ha sede a Toronto ha registrato 160.000 visite di clienti a marzo, rispetto alle 123.000 di marzo 2021. Hetherington ha previsto che in un anno il numero salirà a 225.000 visite al mese.

Anche alla Calgary Food Bank le richieste di aiuto sono in rapida ascesa. “Nei primi tre mesi del 2022 il banco alimentare ha registrato un aumento del 29% su base annua della domanda per i suoi cesti di cibo” ha affermato la coordinatrice delle comunicazioni Betty Jo Kaiser. “Il mese scorso, l'organizzazione ha distribuito aiuti alimentari a quasi 9.500 persone, il 75% delle quali sono andate lì per la prima volta - ha affermato Kaiser - non ci aspettiamo un rallentamento della domanda, ci stiamo prepariamo per un bisogno continuo e crescente".

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.