Justin Trudeau
pronto a utilizzare
la legge d’emergenza

di Francesco Veronesi del 15 February 2022

TORONTO - Justin Trudeau è pronto a utilizzare l’Emergencies Act in risposta alle proteste delle ultime due settimane. Dopo 14 giorni di sostanziale immobilismo di fronte alle manifestazioni che hanno paralizzato Ottawa e alcuni passaggi di frontiera tra Canada e Stati Uniti, il primo ministro ha abbandonato l’approccio soft.

Ieri in mattinata il leader liberale aveva prospettato l’utilizzo della legge d’emergenza al caucus grit. Quindi ne aveva discusso con i premier e i leader del Territori durante una teleconferenza durata un’ora e mezza. Trudeau ha illustrato il suo piano, chiedendo ai premier di fornire la loro valutazione sulla possibile invocazione dell’Emergencies Act. Qui non è emersa una linea comune. Il premier dell’Ontario Doug Ford, come poi annunciato pubblicamente, ha dichiarato di essere d’accordo “a qualsiasi misura imposta dal governo federale per il ritorno alla normalità a Ottawa, a Windsor e nelle altre località interessate dalla protesta”.

“Dopo aver parlato con i premier e i leader delle opposizioni - ha dichiarato ieri Trudeau - il governo ha deciso di invocare l'Emergencies Act per contrastare le occupazioni illegali come a Ottawa o a Windsor. Il governo proteggerà luoghi e infrastrutture che sono critiche per la nostra economia. L'Rcmp potrà agire per far rispettare i regolamenti comunali e le leggi provinciali. Non stiamo limitando il diritto di espressione o di riunione”. Il primo ministro ha confermato che non sarà utilizzato l'esercito.

Ma cosa cambia con l’imposizione dell’Emergencies Act? La legge è considerata come potenziale risposta federale a situazioni di crisi.

La norma stabilisce quattro diversi tipi di emergenze in cui le province non sarebbero in grado di fornire una risposta adeguata: emergenze di benessere pubblico, emergenze di ordine pubblico, emergenze internazionali ed emergenze belliche.

Lo stato d’emergenza concede alcuni poteri al governo federale: "Regolare o vietare l’assemblea pubblica che può ragionevolmente portare a una violazione della pace, del viaggio o dell’uso della proprietà", "designare e mettere in sicurezza luoghi protetti", "assumere il controllo, il ripristino e la manutenzione dei servizi e dei servizi pubblici", la capacità di "autorizzare o dirigere la fornitura di servizi essenziali e la fornitura di un ragionevole compenso" e la possibilità di "imporre in caso di condanna sommaria una multa non superiore a 500 dollari o la reclusione non superiore a sei mesi o entrambi, o all’atto d’accusa, una multa non superiore a 5.000 dollari o la reclusione non superiore a cinque anni, o entrambi, per qualsiasi violazione di un ordine o regolamento".

Al fine di dichiarare un’emergenza di ordine pubblico, il governo federale deve prima consultarsi con i governi provinciali ed emettere un proclama per rendere effettivi i poteri.

I criteri sono rigorosi: per qualificarsi come emergenza di ordine pubblico, una situazione deve soddisfare la definizione di "minacce alla sicurezza del Canada" come delineato nel Canadian Security Intelligence Service Act – o l’atto che regola i poteri dell’agenzia di intelligence del paese.

La legge sulle emergenze non è mai stata applicata. Una volta invocate, le disposizioni di emergenza dell’ordine pubblico scadono dopo 30 giorni.

E mentre le disposizioni sono efficaci non appena viene dichiarata una tale emergenza, una mozione che conferma l’emergenza deve essere presentata al Parlamento entro sette giorni – e se non sopravvive ai voti alla Camera dei Comuni e al Senato, qualsiasi sconfitta segna una revoca della proclamazione.

Poiché la legge sulle emergenze non è mai stata invocata, ci sono domande su quali misure esattamente il governo federale potrebbe osservare o su come potrebbero essere utilizzate.

Prima della svolta di ieri, la crisi all’Ambassador Bridge di Windsor era già terminata domenica, mentre a Ottawa si stava andando verso un accordo tra lo zoccolo duro dei manifestanti e il sindaco della Capitale Jim Watson.

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.