Food Bank, non si può vivere
con $15mila annui

di Priscilla Pajdo del October 29, 2021

TORONTO - Con l'aumento del costo della vita, sempre più canadesi si rivolgono alle food bank (banche alimentari) per ricevere supporto. Secondo un nuovo rapporto, HungerCount 2021 di Food Banks Canada, nel marzo del 2021 più di 1,3 milioni di canadesi hanno visitato le banche del cibo. A livello nazionale, la domanda di banchi alimentari è aumentata del 20% rispetto a marzo 2019, l'aumento più rapido dalla recessione economica del 2008.

Con l'avvertimento della Bank of Canada di un'inflazione prolungata, che prevede una media del 4,75% per il resto dell'anno, i canadesi continueranno a pagare di più per tutto dalla benzina alla spesa. La combinazione della rapida inflazione alimentare, bassi salari, la fine dei supporti di emergenza per la pandemia del Canada e l'implacabile mercato immobiliare che fa salire il costo degli affitti, aumenta la pressione per i canadesi che cercano di mantenere un tetto sopra la testa e mettere cibo in tavola.

Il Rapporto è l'ultimo studio completo per analizzare i dati provenienti da oltre 4.750 banche alimentari e organizzazioni comunitarie del Canada. I suoi risultati hanno rivelato che circa una banca alimentare su quattro - la maggior parte delle quali si trovava nei centri urbani più grandi - ha registrato un aumento della domanda del 50% nel periodo di due anni. Il rapporto ha suggerito che l'aumento dell'uso è probabilmente attribuibile alla perdita di posti di lavoro.

In modo allarmante, un terzo dei clienti sono bambini, nonostante rappresentino solo il 19% della popolazione generale. Un'altra scoperta preoccupante, il 27% delle persone che accedono alle banche alimentari ha entrate fisse come pensioni o sussidi di invalidità. Inoltre, le persone che ricevono l'assistenza sociale provinciale come principale fonte di reddito rappresentano il 50% delle famiglie che accedono alle banche alimentari.

Mentre le organizzazioni lavorano instancabilmente per colmare la disuguaglianza alimentare in tutta la nazione, le banche del cibo da sole non sono la soluzione a lungo termine per alleviare e prevenire la fame in Canada. "All'inizio della pandemia, gli alloggi del governo e gli aiuti economici hanno aiutato a ridurre la domanda presso le banche alimentari canadesi, ma negli ultimi mesi le visite stanno iniziando a crescere con quasi una banca alimentare su sette che registra il raddoppio della domanda", ha affermato David Armour, CEO ad interim di Food Banks Canada.

Ad esempio, tre province che registrano il maggiore aumento del fabbisogno rispetto al 2019 includono il Quebec, con il 38%, l'Alberta, con quasi il 30% e l'Ontario, con il 23%.

Riconoscendo che necessita uno sforzo collaborativo per aiutare a porre fine alla fame e all'insicurezza alimentare, il Rapporto evidenzia diverse raccomandazioni per aiutare ad alleviare il problema della fame. Per iniziare, raccomanda nuovi supporti per gli affittuari che vivono con redditi bassi, che include l'attuazione di un programma nazionale di sostegno all'affitto basato su una versione ampliata del Canada Housing Benefit.

La seconda raccomandazione è di modernizzare ed espandere i supporti per i lavoratori a basso reddito e i disoccupati, principalmente attraverso l'aggiornamento del programma di disoccupazione. Un altro suggerimento sarebbe che il governo introduca incentivi per incoraggiare le imprese a pagare salari dignitosi a tutti i dipendenti.

Un'altra misura include la considerazione di policy che aiutino il Canada a implementare un minimo di reddito, pari o superiore alla soglia di povertà ufficiale. Secondo un rapporto di Statistics Canada del febbraio 2021 basato sulle dichiarazioni dei redditi del 2019, circa 3,7 milioni di canadesi vivevano al di sotto della soglia di povertà. Rappresentano quasi il 10% della popolazione. Christopher Sarlo, professore di economia (Nippising University), ritiene che per sfuggire alla povertà le famiglie canadesi di quattro persone nella maggior parte dei centri urbani dovrebbero avere un reddito totale superiore a $60.00 (per una famiglia di quattro, equivalente a $15,000 a persona).

Altre raccomandazioni includono un maggiore sostegno per gli adulti single a basso reddito e misure migliori per ridurre l'insicurezza alimentare nelle comunità settentrionali.

Poiché i prezzi del cibo continuano ad aumentare, le famiglie potrebbero aspettarsi di pagare quasi 700 dollari in più per i generi alimentari entro la fine di quest'anno, aumentando le pressioni dell'insicurezza alimentare.

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.