“Era diventato quasi impossibile
far rispettare la legge a Ottawa”

di Francesco Veronesi del 23 November 2022

TORONTO - La decisione di attivare la legislazione d’emergenza lo scorso febbraio non venne presa a cuor leggero, ma il governo aveva capito che nel centro di Ottawa non c’era più la possibilità di far rispettare la legge. È questa la tesi sostenuta ieri da Marco Mendicino (nella foto sopra) durante la sua testimonianza alla commissione pubblica d’inchiesta sull’Emergencies Act di Ottawa. Il ministro della Pubblica Sicurezza, durante la deposizione, incalzato dagli avvocati, ha fornito la sua ricostruzione di quei giorni frenetici che accompagnarono la protesta del Freedom Convoy contro gli obblighi vaccinali fino alla decisione dell’esecutivo di attribuire poteri speciali alla polizia e alla magistratura per uscire dalla crisi.

“Era diventato praticamente impossibile far rispettare la legge nel centro di Ottawa durante le proteste del Freedom Convoy - ha detto il ministro - Questa constatazione è stato un elemento importante nella decisione del governo di attivare le misure d’emergenza”.

"Nel formare l’opinione che dovevamo invocare l’Emergencies Act, una delle mie principali preoccupazioni era l’incapacità di far rispettare la legge adiacente alle infrastrutture critiche. Questo avrebbe incluso il Parlamento. La situazione sul terreno era sul punto di essere completamente ingovernabile, se non già". “C’erano due gruppi distinti presenti alla protesta. Un gruppo stava esercitando il suo legittimo diritto di protestare contro specifiche politiche governative ma l’altro aveva altri obiettivi più estremi”.

Questo secondo gruppo, ha detto Mendicino, "era molto più sofisticato e organizzato. Era composto, potenzialmente, da individui che avevano precedentemente prestato servizio nell’esercito o nelle forze dell’ordine". "Questo, per me, ha sollevato una preoccupazione molto seria su alcune delle contro-operazioni che potevano essere gestite da quel gruppo per sopraffare le forze dell’ordine legittime".

Secondo Mendicino, alcuni di questi manifestanti erano "pronti a diventare violenti". "Eravamo preoccupati se il blocco potesse o meno colpire il primo ministro", ha detto all’inchiesta. "Ci sono state successivamente molte minacce che sono state fatte non solo nei confronti di personaggi pubblici eletti, ma anche delle forze dell’ordine e dei rappresentanti dei media. Il che per me ha segnalato ancora una volta che questo era un movimento che in alcuni casi era pronto ad attaccare le nostre istituzioni democratiche per forzare il cambiamento intorno alle politiche". Queste preoccupazioni hanno portato a una "maggiore posizione di sicurezza" intorno a Parliament Hill, ha detto Mendicino, in modo che "l’attività del governo" potesse continuare nonostante le proteste che circondavano il parlamento.

"Ho avuto molte conversazioni con parlamentari – sproporzionatamente donne, vorrei sottolineare – che sono stati destinatari di molestie, intimidazioni, espressioni di odio attraverso il convoglio", ha detto il ministro della pubblica sicurezza.

Oltre a questo, la scoperta di armi d’assalto nascoste nei camion di alcuni partecipanti al blocco nel valico di frontiera di Coutts, spinse il governo ad attivare le misure d’emergenza. "A Coutts - ha ribadito - c’era una cellula armati fino ai denti". "Stavamo potenzialmente assistendo a un’escalation di gravi violenze, che ci mise pressione".

"Il fatto che fossimo sul punto di impegnarci in un’operazione a Coutts dove le persone erano armate è stato un segno molto forte per me". Un segno che spinse il governo ad attivare la legislazione d'emergenza.

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.