Il caso dei 22 milioni
di vaccini inutilizzati

di Mariella Policheni del August 13, 2021

TORONTO - Dalla disperata ricerca di vaccini contro il Covid-19 ad averne milioni nei congelatori in tutto il Paese. Il Canada, sembrerebbe, non ama mezze misure. I dati sulle consegne, la distribuzione e le iniezioni di vaccini forniti da Health Canada e dalle province mostrano che quasi 22 milioni di dosi sono state consegnate al Canada ma non ancora utilizzate. Ciò include una "riserva" nazionale di quasi 10 milioni di dosi e oltre 11,7 milioni di dosi fornite ai governi provinciali e territoriali che devono ancora essere somministrate.

Fino all'inizio di luglio, Ottawa ha distribuito immediatamente ogni dose alle province. Poiché la domanda di vaccini è rallentata e le province non hanno avuto bisogno di grosse quantità di dosi, il governo federale ha iniziato ad accumulare una riserva di emergenza. Quella scorta ora ammonta a 9,8 milioni di dosi, oltre il 13% dei 72 milioni di dosi consegnate fino ad oggi al Canada.

Quasi 23,6 milioni di canadesi sono ora completamente vaccinati, ovvero il 71,3% di tutte le persone di almeno 12 anni. Ma da Canada Day le richieste dei canadesi di essere vaccinati sono notevolmente rallentate.

Circa 150.000 dosi sono state somministrate ogni giorno nella prima settimana di agosto, rispetto alle quasi 500.000 al giorno nella prima settimana di luglio.

La ministra del Public Services and Procurement Anita Anand afferma che il numero delle dosi accumulate che possono essere considerate in eccesso e quindi disponibili per essere donate ad altri paesi, non è ancora chiaro. “Ci sono un certo numero di incognite al momento mentre la scienza continua a dare col tempo indicazioni diverse - ha detto Anand a The Canadian Press - in particolare, non siamo sicuri se saranno necessari booster e se saranno necessari quest'anno. Prevediamo inoltre che la domanda del vaccino Pfizer per la fascia di età dai 5 agli 11 anni inizierà a salire per cui abbiamo bisogno di disporre di vaccini anche per quella fascia di età”.

Il Canada ha già acquistato 35 milioni di dosi di richiamo da Pifzer - che saranno consegnate nel 2022 - e altri 30 milioni che giungeranno nel 2023.

Il Canada non ha ancora raccomandato il booster, ovvero la terza dose, ma alcuni paesi, inclusa la Germania, lo stanno somministrando a persone con il sistema immunitario compromesso. Al momento, ha detto la Chief public health officer del Canada Theresa Tam, la necessità di booster è ancora allo studio.

Il Canada ha donato finora 575 milioni di dollari per acquistare dosi per i paesi meno ricchi, ha ceduto 13 milioni di dosi acquistate direttamente dalla COVAX vaccine sharing alliance e ha promesso di donare i 17,7 milioni di dosi ordinate tempo fa di AstraZeneca. Ad oggi ne sono state spedite a Trinidad e Tobago solo 82.000.

Il Canada, ha concluso la Anand, avrebbe bisogno di 66 milioni di dosi per vaccinare completamente chiunque abbia più di 12 anni, ma si prevede che più del 10% dei canadesi non ha intenzione di farsi immunizzare.

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.