Leggero calo dell’inflazione,
cresce il prezzo degli alimenti

di Francesco Veronesi del 22 December 2022

TORONTO - Nessuna tregua sul fronte dell’inflazione. Se da un lato l’indice del costo della vita ha subito una lievissima flessione nel mese di novembre, dall’altro il costo del carrello della spesa continua la sua folle corsa verso l’alto, spinto soprattutto dai prezzi dei prodotti alimentari. La conseguenza diretta è che anche a novembre è sceso il potere d’acquisto delle famiglie canadesi, strette dall’aumento dell’inflazione e dalla crescita dei tassi d’interesse decisa da Bank of Canada che si traduce in mutui più alti e maggiori difficoltà nell’accesso del prestito creditizio. In linea generale, l’inflazione è passata dal 6,9 per cento di ottobre al 6,8 per cento del mese scorso.

Nel suo ultimo rapporto sull’indice dei prezzi al consumo pubblicato ieri, Statistics Canada ha affermato che la crescita più lenta dei prezzi di benzina e immobili il mese scorso è stata compensata dal rapido aumento dei costi dei generi alimentari.

I prezzi degli alimenti sono saliti a un ritmo annuale più veloce a novembre. L’agenzia federale ha detto che i costi sono cresciuti dell’11,4 per cento annuo, rispetto all’11 per cento di ottobre.

L’aumento dei costi relativo alle abitazioni è attribuito all’aumento dei prezzi degli interessi ipotecari e all’aumento degli affitti. I costi degli interessi ipotecari sono aumentati del 14,5 per cento a novembre su base annua, mentre gli affitti sono aumentati del 5,9 per cento.

Statistics Canada ha aggiunto che la pressione al rialzo viene posta sui prezzi degli affitti poiché sempre più canadesi sono esclusi dalla proprietà della casa a causa degli alti tassi di interesse.

I prezzi della benzina sono diminuiti del 3,6 per cento su base mensile mentre escludendo cibo ed energia, i prezzi sono aumentati del 5,4 per cento su base annua.

Il rapporto sull’indice dei prezzi al consumo di novembre si confronta con un tasso di inflazione annuale del 6,9 per cento in ottobre e settembre. L’inflazione ha raggiunto il picco a luglio all’8,1 per cento.

La Banca del Canada ha aumentato rapidamente i tassi di interesse quest’anno per raffreddare l’inflazione decennale e rallentare la spesa nell’economia. Dopo aver alzato il tasso di interesse di riferimento per la settima volta consecutiva all’inizio di dicembre, la banca centrale ha segnalato che potrebbe essere aperta a una pausa - ma il condizionale è d’obbligo - sui rialzi dei tassi.

I fattori che incidono sui prezzi dei negozi di alimentari includono le interruzioni della catena di approvvigionamento dovute al COVID-19, la carenza di manodopera, il cambiamenti nei modelli di acquisto, il maltempo dove viene coltivato il cibo, le tariffe doganali e guerra in Ucraina, secondo il rapporto.
Tra i prodotti alimentari che sono aumentati di più nel prezzo a novembre troviamo gli alimenti e oli commestibili (in crescita del 26 per cento), le bevande analcoliche (in crescita del 19,4 per cento) e caffè e tè (16,8 per cento)

Secondo Statistics Canada, anche il prezzo del pollo è aumentato del 9,3 per cento su base annua, a causa di una ridotta offerta globale.
Le aziende agricole hanno dovuto abbattere e mettere in quarantena gli uccelli infetti dall’influenza aviaria, afferma l’agenzia nel suo rapporto.

Rispetto a ottobre, sono stati osservati aumenti in diverse categorie, tra cui prodotti lattiero-caseari, uova, caffè e tè, verdura e frutta. Lievi tendenze al ribasso sono state osservate con i prezzi del pesce, che sono scesi all’8,1 per cento dal 9 per cento di ottobre.

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.