Brampton,
Emily muore di Covid
a tredici anni

di Mariella Policheni del April 27, 2021

TORONTO - Si chiamava Emily Victoria Viegas e aveva 13 anni la ragazzina di Brampton morta di Covid-19. Una storia straziante, una morte che forse, chissà, poteva essere evitata.

Emily ha iniziato a mostrare alcuni degli stessi sintomi che avevano causato il ricovero della madre in ospedale - tosse, difficoltà respiratorie e incapacità di stare in piedi - ma il padre, Carlos Viegas, temendo che a causa del sovraffollamento del Brampton Civic avrebbero trasferito la figlia in un ospedale di Oakville, ha cercato di curarla a casa.

Carlos le controllava la temperatura, le dava del Tylenol per abbassare la febbre, la esortava a bere molta acqua e a mangiare anche se non aveva molto appetito. In fondo, pensava, Emily aveva solo 13 anni e probabilmente sarebbe guarita velocemente.

Non è andata esattamente così: il 22 aprile, Emily è entrata a far parte del triste elenco dei canadesi più giovani che hanno perso la vita a causa del Covid.

Erano da poco passate le 9 del mattino quando il fratello di Emily si è accorto che la ragazza non si muoveva, giaceva immobile nel suo letto, gli occhi parzialmente aperti. Al loro arrivo i paramedici hanno cercato di rianimare Emily, il cuore aveva ripreso a battere ma non respirava ancora.

Tre ore dopo il ricovero in ospedale a Carlos è giunta la telefonata che più temeva: Emily se n’era andata.

Viegas, 58 anni - che lavorava in un magazzino si trovava in quarantena ed era l’unico della sua famiglia risultato negativo al tampone. Sua moglie è stata la prima ad ammalarsi, anche se è rimasta a casa per una settimana prima di fare il test e scoprire di aver contratto il coronavirus. Durante quel periodo, Carlos aveva continuato a lavorare e i suoi due figli ogni tanto andavano nella stanza della mamma per portarle cibo e acqua.

Il 14 aprile, il giorno dopo che la donna ha ricevuto i risultati del test, la situazione è peggiorata al punto che si è reso necessario il ricovero: tuttora si trova nel reparto di terapia intensiva. Il suo livello di ossigeno nel sangue è salito fino all’80% e Carlos spera che possa tornare a casa presto.

I Viegas vivono in un appartamento in un hot spot di Covid-19 nella parte est di Brampton, una città con un tasso di positività al test del 22%, il più alto dell’Ontario.

Ma la caratteristica di questa terza ondata di coronavirus è che le infezioni e i decessi improvvisi tra i giovani sono diventati più frequenti. Ammontano a 208.195 le persone sotto i 19 anni risultate positive al virus fino al 23 aprile: di questi, secondo le statistiche nazionali, 142 sono stati ricoverati in terapia intensiva e otto sono morti.

Emily Victoria Viegas non ce l’ha fatta, la sua giovane vita è stata spazzata via dallo tsunami chiamato Covid-19. “Informare mia moglie della morte di nostra figlia è stata la cosa più difficile che abbia mai fatto”, ha detto Viegas che è ancora in isolamento. Il compito di condividere la notizia con gli amici e organizzare il funerale è spettato quindi ad altri membri della famiglia.

“Non conosco i dettagli. Non so nemmeno se potremo vederla - ha aggiunto Carlos Vegas - mia madre, comunque, non ci sarà. Ha detto che non vuole vedere sua nipote in una bara”.

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.