Interventi chirurgici,
105.000 in attesa

di Mariella Policheni del 25 January 2023

TORONTO - Si allungano sempre di più in Ontario le liste di attesa per essere sottoposti a un intervento chirurgico. E per 105.000 persone - questo è il numero all’inizio del 2022 - sono ben più lunghe dei tempi massimi raccomandati dai medici. Un dato, questo del Ministero della Salute, lievitato nel momento in cui gli ospedali hanno bloccato le operazioni non urgenti per preservare la disponibilità di posti letto durante l’insorgenza della variante del Covid Omicron. Secondo i documenti del governo quasi la metà dei pazienti in lista d’attesa chirurgica dell’Ontario è stata costretta ad aspettare più a lungo dei tempi massimi previsti dai medici: un aumento del 123% rispetto ai livelli pre-pandemia. Nel 2019, infatti, una media di 47.000 persone in lista chirurgica dell’Ontario attendeva più a lungo delle linee guida cliniche per la loro procedura, rappresentando il 23% del numero totale in lista d’attesa chirurgica.

E sempre secondo i documenti del ministero ottenuti da Global News entro il 2022, il numero di ammalati bisognosi di una operazione è cresciuto fino a rappresentare il 43% della lista d’attesa di 250.000 persone. "Un ritardo delle procedure chirurgiche necesarie porterà inevitabilmente a complicazioni - ha dichiarato David Gomez, chirurgo specializzato in medicina intensiva e traumatologia a Toronto - dalle procedure più comuni eseguite in Ontario – che sono cataratta, anche e ginocchia, ernie inguinali – la probabilità che un’operazione ritardata porti a morte è molto, molto, molto bassa. Non è zero, ma è molto, molto bassa”.

La possibilità che un ritardo abbia un impatto sulla qualità della vita, tuttavia, è alta, ha affermato Gomez. Il ritardo potrebbe causare un aumento del dolore o del disagio o la possibilità di ulteriori inciampi e cadute, ad esempio, con ridotta mobilità o capacità visiva, a seconda della procedura.

Secondo un recente rapporto del Fraser Institute sull’accesso all’assistenza sanitaria in Canada, i lunghi tempi di attesa sono più di un "inconveniente di poco conto", possono lasciare i pazienti con gravi conseguenze come aumento del dolore e della sofferenza, angoscia mentale e rischi a lungo termine. "In alcuni casi, possono anche portare a risultati medici peggiori, trasformando malattie o lesioni potenzialmente reversibili in condizioni croniche, irreversibili o persino disabilità permanenti", afferma il rapporto.

"Nel sistema chirurgico ideale, credo che le lunghe attese non dovrebbero esistere perché alcuni pazienti - non la maggioranza - sperimenteranno ulteriori complicazioni dovute al ritardo", ha detto Gomez.

Nonostante il governo Ford abbia speso milioni di dollari per risolvere il problema, anche avvalendosi di strutture sanitarie indipendenti per ridurre l’arretrato, la provincia si è rifiutata di dire se il numero delle persone in lista d’attesa è sceso.

Le ripetute richieste di dati e informazioni aggiornati non sono state soddisfatte e un portavoce dei Ontario Health ha dichiarato, il 4 dicembre 2022, che la lista d’attesa per un intervento chirurgico era di circa 209.000 persone, in calo rispetto alle 250.000 registrate ad aprile.

Infine, il 23 gennaio, un portavoce di Ontario Health ha affermato che il numero delle persone in lista "ha iniziato a diminuire, poiché abbiamo dato la priorità ai pazienti che si sottopongono all’intervento chirurgico entro i tempi di attesa raccomandati". Tra il 28 novembre e il 4 dicembre 2022, il 77% degli interventi chirurgici contro il cancro sono stati completati entro i tempi previsti rispetto all’87% precedente alla pandemia.

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.