Crisi delle case di cura, accuse e veleni

di Mariella Policheni del January 21, 2021

TORONTO - Merrilee Fullerton contro Andrea Horwath. Doug Ford contro Justin Trudeau. Si accendono i toni della polemica sulle case di cura a lunga degenza dell’Ontario con dei botta e risposta al vetriolo.

L’accusa di diffondere disinformazione per alimentare paura ed ansia nel personale e nei residenti delle case di cura mossa dalla ministra del Long Term Care Merrilee Fullerton, alla leader dell’NDP Andrea Horwath proprio non è andata giù.

«Se guardiamo al numero effettivo di focolai in Ontario, notiamo quanto sia piccolo il numero di case dove sono stati riportati contagi ed è un numero ancor più piccolo quello delle strutture dove i focolai di virus sono gravi - ha detto la Fullerton - è disgustoso vedere l’opposizione, l’NDP, Andrea Horwath, veicolare informazioni inesatte per scatenare preoccupazioni. È una nostra responsabilità assicurarci che le informazioni siano accurate».

Detto questo, la Fullerton non ha voluto elaborare sulle falsità che ritiene vengano di. use dalla Horwath ma ha ribadito che la provincia si sta muovendo “alla velocità della luceper vaccinare i residenti delle LTC: in 263 case a 83mila residenti è stata somministrata la prima dose.

Non si è fatta attendere la risposta della Horwath che ha accusato la ministra di “minimizzare la crisi”. “3.200 residenti dell’assistenza a lunga degenza sono morti - ha twittato - ciò che è ’disgustoso’ è che il ministro Fullerton minimizza questa crisi. Voglio che i membri delle forze armate canadesi vengano inviate nelle case colpite duramente per facilitare la lotta senza perdere tempo prezioso”.

Fino a ieri, in base ai dati disponibili sul web del ministero del Long Term, ci sono state 1.497 infezioni di Covid tra i residenti e 1.223 tra il personale. I decessi tra gli anziani sono stati 3.239 vale a dire che 60 residenti hanno perso la vita nel giro di ventiquattrore. Delle case che hanno attualmente casi tra i residenti, due strutture - la Cedarvale Terrace di Toronto e la Extendicare di St. Catharines - segnalano quasi 80 infezioni attive tra gli anziani.

Sulla situazione poco idilliaca delle case di cura a lunga degenza è intervenuto Justin Trudeau: il primo ministro ha bollato la condizione in cui versano queste strutture come “inaccettabile”. «Penso alla tragica e inaccettabile situazione nelle strutture di assistenza a lunga degenza in Ontario e in tutto il paese. I nostri genitori e i nostri nonni meritano di meglio. Le nostre infermiere meritano di meglio. Quindi, per i residenti, stiamo facendo tutto il possibile affinché possano essere vaccinati il più presto possibile», ha detto Trudeau.

Il premier Doug Ford ha confermato la scorsa settimana che il primo ministro si è offerto di inviare i militari per aiutare a gestire alcune delle case di cura a lunga degenza più colpite della provincia, ma il governo Ford non ha ancora annunciato alcun dispiegamento militare.

Non si è fatta attendere la replica del premier dell’Ontario Doug Ford: «Il primo ministro - ha detto - dovrebbe concentrarsi su come reperire questi vaccini. È facile puntare il dito... io mi concentrerò sull’assistenza a lunga degenza... il primo ministro pensi a fare arrivare questi vaccini e vedrà che tutto va bene».

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.