“Vaccini ai dodicenni:
da che parte stanno i medici?”

di corriere canadese del October 26, 2021

Pubblichiamo la lettera di un genitore il cui figlio soffre di tripanofobia, la paura degli aghi, e non riesce a farlo vaccinare perché i pediatri, di fronte alla resistenza del bimbo, si rifiutano di farlo.

TORONTO - Sono passati due anni in mezzo alla pandemia e la maggior parte dei bambini sotto i 12 anni in questo Paese non sono ancora stati vaccinati. Quando a Pfizer è stato concesso l'ok per iniziare la produzione e la distribuzione del suo vaccino lo scorso novembre, le Nazioni Unite hanno inizialmente affermato che il vaccino doveva essere somministrato solo ai più vulnerabili o ai più a rischio. Col passare del tempo, con la pressione della professione medica e delle aziende farmaceutiche di tutto il mondo, la disponibilità del vaccino è stata variata per includere qualsiasi adulto dagli 8 anni in su.

Soltanto nel maggio del 2021 il vaccino è stato approvato per i ragazzi di età pari o superiore a 12 anni in Canada. Le Nazioni Unite affermano ancora che il vaccino è per le popolazioni ad alto rischio, tuttavia il governo di ogni Nazione dovrebbe esercitare la propria politica in caso di necessità nell'emergenza.

Qualche decisore politico, professionista medico del tavolo scientifico od operatore sanitario in Ontario si è forse chiesto quali effetti abbia avuto la loro politica sui vaccini dagli 11 anni in su, sulla psiche, sul benessere fisico e sociale di questi bambini (problemi di miocardite a parte)?

Molti pediatri non vedono i propri pazienti da prima del lockdown. Incluso mio figlio. Non è possibile. I singoli pediatri hanno stabilito che non cureranno i bambini che non hanno ricevuto il vaccino contro il Covid-19. Quindi, mio ​​figlio non può essere curato dal nostro pediatra se non tramite telefono o assistenza al pronto soccorso. Molti bambini soffrono della paura degli aghi - tripanofobia, per quelli seduti al tavolo scientifico dell'Ontario che hanno bisogno del termine scientifico. È una fobia che deriva dalla paura di essere forati o feriti. Impedisce all'individuo di cercare cure mediche quando necessario. Questo non è un problema anti-vax. Sono un genitore ragionevole che cerca di ottenere il vaccino per il proprio figlio. Un bambino che ha bisogno di tornare a stare fuori casa ed a godersi l'attività fisica, così disperatamente necessaria dopo un anno e più rinchiusa dentro.

Ogni volta che ho portato mio figlio in una clinica per i vaccini ho visto bambini piangere in silenzio, nervosamente mentre i loro genitori li istruivano. Per alcuni, come me, non c'è niente da fare.

Le infermiere delle cliniche sono gentili, carine e hanno offerto consigli per "congelare" il braccio in anticipo con trattamenti da banco - agenti gelificanti o gel, Benadryl per calmarlo; in una clinica, hanno suggerito che potremmo portare il nostro cucciolo la prossima volta se aiutasse con la distrazione. Senza successo, mi sono rivolto al nostro pediatra che ha prescritto il Lorazepam - la forma generica di Ativan - una benzodiazepina usata per trattare l'ansia.

Come genitore di un bambino che non è stato malato di Covid-19 o altro da novembre 2019, ma sta cercando di far vaccinare il proprio figlio per "beneficiare tutti gli altri", è possibile che i farmaci siano l'unica soluzione qui? Perché i medici della clinica stanno lì impazienti con mio figlio che rifiuta il vaccino?

Tutte le cinque volte che ho portato mio figlio a "provare a fare il vaccino" ho chiesto al medico che supervisionava mio figlio "perché chiedi il suo consenso sapendo che dirà di no?" Perché i genitori sono intimiditi nel portare i loro figli a vaccinarsi per il bene di tutti, ma tu ti fermi nel momento in cui il bambino non dà il consenso? Come potrebbero questi bambini fare sport, fare attività extrascolastiche ed uscire di casa se non li fai vaccinare perché un dodicenne non acconsente? Perché devo sottoporre mio figlio a essere "drogato" per arrivare alla clinica dei vaccini e nel momento in cui si contorce ti fermi? Questo vaccino è obbligatorio o no?

Non ho mai ricevuto risposta da nessuno dei cinque medici a cui ho posto le domande. La maggior parte è rimasta in silenzio.

Naturalmente, il genitore ha ragione e, cosa più importante, non è addestrato a trovarsi in situazioni conflittuali. Se si tratta di un genitore che ha cercato in modo frustrante di fare ciò che il tavolo scientifico sul Covid-19 dell'Ontario ha chiesto, allora non è conflittuale; questo è un essere umano adulto ben istruito e adeguatamente adattato che sottolinea l'ovvio su cui tutti, in queste cliniche, incluso il personale medico, sono d'accordo.

Mio figlio non può entrare in un teatro, partecipare agli sport del campionato di casa o unirsi alla nostra famiglia in un ristorante il sabato pomeriggio perché non è vaccinato, ma suo fratello di 10 anni può - e non è vaccinato. Inoltre, mio ​​figlio può frequentare la scuola non vaccinato.

Chiedo all'Associazione Medica dell'Ontario, al governo Ford, alla dottoressa Tam, alla dottoressa de Villa, chi state veramente cercando di proteggere?

Un genitore

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.