YCDSB rimprovera Lecce come irrispettoso

di Joe Volpe del 28 December 2022

TORONTO - Sostenuti da un voto unanime, gli amministratori dello YCDSB hanno pubblicamente rimproverato il ministro dell'Istruzione Stephen Lecce ei suoi alti funzionari per la loro insensibilità e indifferenza alle accuse di discriminazione mosse contro i fiduciari scolastici di origine italiana da un altro trustee.

Il 20 dicembre 2022, il direttore all'istruzione del YCDSB ha riferito ai fiduciari che non ci sarebbe stata alcuna risposta alla loro richiesta fatta al ministro Lecce di condurre un'inchiesta pubblica sulla questione.

La richiesta era stata presentata dopo diversi mesi di sforzi infruttuosi per risolvere faccende di “discriminazione e molestie”. Le accuse erano state mosse contro la fiduciaria Theresa Mc Nicol da cinque suoi colleghi trustee: Rosa Cantisano, Dino Giuliani, Maria Iafrate, Maria Marchese e Domenico Mazzotta.

Le cause alla radice sono rimaste nascoste sotto la superficie per mesi, fino a quando Mc Nicol ha allertato il Corriere Canadese e altri organi di stampa, via e-mail, all'inizio di luglio, che ci sarebbe stata una rivelazione bomba all'ultima riunione del Board dei trustee di agosto, prima delle elezioni municipali.

Quelle cause erano in parte dovute a una Mozione, alla fine dell'anno accademico 2020-2021, portata da Mc Nicol per invertire l'ordine della “cerimonia di apertura della preghiera” con quello di “un riconoscimento del territorio aborigeno”. La mozione ha perso quando i Cinque e [l'attuale presidente] Frank Alexander l'hanno respinta.

Gli argomenti principali erano semplicemente che un provveditorato cattolico dovrebbe iniziare con una preghiera e che l'inserimento del riconoscimento del territorio nell'ordine del giorno non costituiva un'offesa (reale o presunta) per nessuno. La mozione non ha svolto alcuna funzione significativa.

Tre fiduciari (Carol Cotton, Elizabeth Crowe, Jennifer Wigston) si sono rifiutati di votare e solo McNicol ha votato a favore.

A partire da quel momento le dinamiche interne tra i trustee sono sembrate deteriorarsi ulteriormente. La Mc Nicol non perdeva occasione per denigrare e calunniare coloro che iniziò a chiamare i "fiduciari italiani" (solo Rose Cantisano è nata in Italia). È arrivata al punto di minacciare di chiamare le forze di polizia per indagare sugli "italiani" perché apparentemente temeva per la sua sicurezza personale.

I Cinque hanno chiesto le scuse. Quando gli sforzi per risolvere la questione si sono rivelati infruttuosi, i Cinque hanno rifiutato di partecipare alle riunioni del Consiglio causando una battuta d'arresto.

Infine, il 28 settembre, il Provveditorato ha inviato una richiesta scritta al Ministro per un'inchiesta pubblica sulle accuse di discriminazione e molestie da parte del fiduciario Mc Nicol.

Quattro dei cinque nonvhanno chiesto la rielezione ma hanno adempiuto ai propri obblighi fino alla fine del mandato. Né il ministro né i suoi rappresentanti hanno dato seguito alla richiesta di inchiesta pubblica.

Nella riunione del 20 dicembre, il Direttore ne ha dato formale avviso ai trustee. Il fiduciario Iafrate ha insistito per avere dettagli e ragioni. Tutto ciò che il direttore avrebbe divulgato era il nome del viceministro associato, Patrick Case e che egli ha affermato che "non c'è motivo per loro di andare avanti e condurre le indagini".

Nel frattempo, il fiduciario Mc Nicol, l'unica non presente nella sala riunioni, aveva rilasciato interviste ai giornali della comunità locale insinuando che fosse stata discolpata e che in realtà era proprio lei loggetto delle molestie.

Il fiduciario Iafrate ha chiesto al Provveditorato di scrivere nuovamente al Ministro una lettera formale per richiedere provvedimenti e, se nessuno sarebbe stato adottato, di spiegarne per iscritto i motivi. La sua mozione a tal fine è stata accettata allunanimità.

Due degli ex trustee che hanno seguito la riunione, virtualmente, hanno espresso il loro sgomento per la totale mancanza di rispetto del ministero nei confronti dei membri eletti del consiglio.

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.