Miller: a volte tornano
i fantasmi, purtroppo

di Joe Volpe del 25 October 2022

TORONTO - David Miller, ex sindaco di Toronto fino a quando non si è autoeliminato dalla città prima che il pubblico avesse la possibilità di "cacciarlo via" formalmente, è riapparso a macchiare le acque di Toronto ancora una volta.

È rimasto fuori dai giochi sin da quando ha fatto dei pasticci con gli operatori sanitari e ha trascinato la città in uno sciopero deplorevole che ha visto le "montagne" di spazzatura nei parchi, nei parcheggi e praticamente ovunque la cittadinanza potesse liberarsi dei rifiuti. La popolazione di topi e di ratti è esplosa. Lo hanno fatto anche altri parassiti.

Miller (nella foto sotto, da https://yfile.news.yorku.ca), notoriamente descritto dal suo predecessore sindaco Mel Lastman come "troppo stupido per essere sindaco", ha deciso di dimostrare a tutti, in questi giorni, ancora una volta, che avevano ragione.

Ieri, dopo aver scoperto la presenza di un "pacchetto sospetto", le autorità hanno chiuso l'aeroporto Billy Bishop per la sicurezza delle persone e delle strutture fino al termine della situazione di "emergenza".

Miller, che gestisce un'organizzazione di ricerca sui cambiamenti climatici e l'economia, ha chiesto la demolizione dell'aeroporto e la sua sostituzione con un parco.

Un personaggio radiofonico lo ha definito un "cretino", un altro come l'autore dell'idea più stupida che si possa concepire.

Tutti e due hanno poi aggredito l'ex sindaco per una “politica” mal congegnata. Entrambi sono/erano associati ad avversari politici nel Consiglio Comunale da lui guidato.

In qualità di ex ministro responsabile di Toronto all’epoca, ho trovato la sua visione della città restrittiva quando si trattava della questione dell'utilizzo dei terreni federali sul lungolago di Toronto. Ci siamo scontrati spesso. L'aeroporto era centrale in queste differenze. Il governo federale investì molto nel rilancio dell'aeroporto e del porto, nonostante le sue obiezioni.

Una relazione di Toronto Ports, datata 20 febbraio 2015, ha descritto il Billy Bishop Toronto City Airport come un motore economico significativo, che genera oltre 2 miliardi di dollari di produzione economica annua e fornisce oltre 6.500 posti di lavoro totali, inclusi 1.960 posti di lavoro direttamente associati all'aeroporto. Oggi sarà molto di più.

Il governo federale investì molto per collegare il Billy Bishop all'aeroporto Pearson e oltre. Miller guidava il clan politico che ha resistito a qualsiasi sforzo di collaborazione con l'autorità federale per conto della città. Se non fosse stato per i rapporti relativamente amichevoli con le nostre controparti provinciali, non ci sarebbe oggi lo stadio di calcio, né il TFC, né il torneo FIFA U-20 ospitato nel 2011, né un'estensione della metropolitana fino a Vaughan. E l'elenco potrebbe continuare, dall'edilizia abitativa allo sviluppo turistico e altro ancora.

Tale era l'ostinata meschinità dell'ex sindaco. Non ero dispiaciuto di vederlo andarsene. Quest'ultima esplosione pubblica dei suoi pensieri mi ha ricordato che non so se essere d'accordo con le opinioni del compianto Mel Lastman o con i commentatori radiofonici di Radio 680.

Nella foto qui sopra: una veduta delle isole e, cerchiato di rosso, l'aeroporto Billy Bishop con la città sullo sfondo: i grattacieli oggi coprono tutto il lato Nord del lungolago (da www.thecanadianencyclopedia.ca)

PER LEGGERE I COMMENTI PRECEDENTI: https://www.corriere.ca/il-commento/

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.