Leader-bashing: lo sport estremo
della politica

di Joe Volpe del September 24, 2021

TORONTO - Dopo un'elezione clamorosa che ha visto solo il 59% di affluenza alle urne, il pubblico è pronto per uno sport più interessante. I risultati ufficiali delle elezioni in Canada non sono ancora pubblici, ma i leader dei partiti vengono inseriti nell'elenco delle specie in via di estinzione.

Sì, questo elenco include il leader del Partito Liberale, Justin Trudeau, primo ministro e "ragazzo d'oro" politico. Il Partito Liberale oggi “appartiene” al suo leader più di quanto gli altri partiti ai propri leaders.

La cultura intollerante della società contemporanea, "a modo mio o niente", sembra incapace di accettare qualcosa di meno che un completo annientamento dei propri avversari percepiti e/o reali. In due elezioni generali, Trudeau non è stato in grado di aumentare il voto del suo partito popolare oltre il 30%. Ora i principali media e gli organi di stampa hanno iniziato a citare "addetti ai lavori" sul malcontento verso la sua leadership e le loro speculazioni su per quanto resterà ancora in carica.

Si rasenta il bizzarro. È lui che brandisce il martello, per così dire, e ha manifestato pubblicamente un carattere irascibile. Alcuni pretendenti al trono hanno già iniziato a permettere che i loro nomi venissero mescolati nella discussione. Sicuramente il momento “et tu Brutus” non è lontano.

Il conservatore Erin O'Toole ha assistito all'inizio di ciò che è in serbo per lui, in TV, durante la copertura della notte delle elezioni, quando l'ex pretendente alla leadership del suo stesso partito ha ammesso che è troppo presto per speculare se O’Toole sopravviverà o dovrebbe sopravvivere. Il suo partito non è riuscito a sconfiggere i liberali nonostante abbia ricevuto una percentuale di voti popolari più alta - 32% - rispetto alla squadra di Trudeau.

Non sembra esserci un meccanismo interno del Partito per richiedere una revisione della leadership (un eufemismo per un cambiamento non così incruento) per altri 18 mesi. O'Toole vedrà le sue energie indebolite nel cercare di rendere il suo partito rilevante alla Camera dei Comuni mentre cerca di allontanare coloro che sono impazienti di vedere i liberali relegati nella pattumiera perché percepiscono il vigore politico da qualche altra parte.

Maxime Bernier, come ha sottolineato Francesco Veronesi nell'edizione di ieri, potrebbe essere il parafulmine per quest'ultimo gruppo. Nonostante sia stato escluso dai dibattiti pubblici, il suo movimento ha raccolto oltre il 5% del voto popolare, quadruplicando i risultati delle precedenti elezioni. Ha fatto sforzi per fare appello ai "progressisti" in Canada. Gli analisti di tutti i partiti ripeteranno per lui ciò che i canadesi hanno visto solo 72 ore fa: quella strada non ha portato ad una vittoria con maggioranza.

Per quanto possa provare a fare il coraggioso, la leadership di Jagmeet Singh è tutt'altro che sicura. A parte “sacche di appoggi qua e là”, il suo partito si è manifestato irrilevante alle urne. Con Trudeau in giro, l'NDP sotto Singh assomiglia a poco più che "il piccolo motore che non ce la può fare"; più ad un vagone di scorta, semmai.

A chi importa se pensa che lui, non Trudeau, sia il vero progressista? Chi può distinguerli? Sarebbe meglio se spostasse il suo partito in una posizione di condivisione del potere piuttosto che insistere nel puntare il dito.

I puntatori del dito più influenti, in questa fase della politica canadese, sono i Bloc Quebecois. In questo Parlamento di minoranza, la leadership di Yves-Francois Blanchet è l'unica sicura. In un ambiente europeo, sarebbe l'equivalente della "bella del ballo".

Ma questo è il Canada, il Nord America. Preferiamo ballare da soli.

PER LEGGERE I COMMENTI PRECEDENTI: https://www.corriere.ca/il-commento/

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.