Le assurdità della nuova religione "woke":
attivismo per i diritti civili vs stupidità

di Joe Volpe del September 30, 2021

TORONTO - Alcuni miei amici sono spirituali. Credono in un ultraterreno che riconosce un'entità superiore dalla quale scaturisce tutta la moralità e alla quale, in definitiva, dobbiamo tutti rendere conto. Altri si concentrano maggiormente sull'espressione manifesta di quella moralità vista attraverso le azioni (opere buone): la regola d'oro innata "fai agli altri ciò che vorresti fosse fatto a te".

Quest'ultima “regola” è alla base di tutti i diritti umani. Varie religioni hanno sviluppato filosofie e ideologie il cui corpus tenta di guidare la società / gli aderenti in quel filone. In altre parole, sforzatevi di fornire una motivazione, una guida, per “fare A invece di B”; esercitare il libero arbitrio - scelta - in un contesto sano.

Le autorità civili, i governi, hanno modificato quella morale di base in una legislazione progettata per promuovere e sostenere quel valore. Decine di milioni di esseri umani sono stati uccisi nel secolo scorso per "dimostrare il punto". Ho pensato di restare fedele alle religioni: sono un po' meno letali nella loro capacità di esigere punizioni per il "disaccordo" con la loro etica, almeno in questo mondo.

Ma l'umanità non è niente se non è inventiva. C'è una nuova religione che permea la società contemporanea. Alcuni lo chiamano "wokeismo". L'American Civil Liberties Union (ACLU), organizzazione di storico attivismo per la diffusione dell'inclusione e dell'uguaglianza, sembra desiderosa di avventurarsi nel mondo del "woke".

Ieri, nell'anniversario della morte di Ruth Bader Ginsberg, ex attivista dell'ACLU e prima giudice donna della Corte Suprema degli USA, l'ACLU ha deciso di rendere pubbliche parti del suo spesso citato discorso sull'aborto.

In tal modo, ha scelto di fare una cosa "woke" e modificare il suo discorso originale sostituendo il pronome "lei" con "loro" e la parola "donna" con "gente".

Perdonate noi rustici se l'impressione trasmessa è che la neutralità di genere nei pronomi abbia soppiantato la fede e le opere buone come la collina sulla quale dobbiamo combattere come civiltà.

Il canadese National Post ha coperto la storia, ecco l'estratto originale, solo per curiosità e non per indicare preferenze sostanziali: "La decisione se partorire o meno un bambino è fondamentale per la vita di una donna, per il suo benessere e per la sua dignità. È una decisione che deve prendere da sola".

Nella versione che l'ACLU ha condiviso su Twitter, ha rimosso ogni riferimento alle donne. La nuova citazione diceva: "La decisione se partorire o meno un bambino è fondamentale per la vita di una (persona), per il (suo) benessere e dignità" ... Quando i governi controllano quella decisione per la gente - nel senso di "pubblico" - essi sono trattati come esseri umani piuttosto inferiori/immaturi che come pienamente adulti responsabili delle proprie scelte”.

A meno che la scienza non sia progredita dall'ultima volta che ho avuto alcune responsabilità professionali su quel fascicolo, partorire un bambino è ancora una funzione riproduttiva biologica unicamente femminile. Gli uomini non hanno “l'attrezzatura anatomica”.

Tuttavia, Anthony Romero, il direttore esecutivo dell'ACLU, apparentemente impenitente e forse riluttante ad abbandonare l'opportunità di sottolineare la necessità della neutralità di genere nel "mondo del risveglio – ‘woke’ ", ha dichiarato al New York Times che la revisione è stata un "errore del digital team”.

È sempre colpa di qualcun altro. Non sorprende che sia sembrato insistente sul fatto che fosse necessario “capire una realtà secondo cui le persone che cercano l'aborto non sono solo donne. Quella realtà esiste. Nell'America di oggi, il vocabolario a volte ha bisogno di essere ripensato".

Forse non sono ancora sveglio abbastanza; chiunque può chiedere l'aborto, ma solo le donne possono averne uno. O mi sbaglio?

PER LEGGERE I COMMENTI PRECEDENTI: https://www.corriere.ca/il-commento/

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.