L'assalto frontale di Stephen Lecce
alle scuole cattoliche

di Joe Volpe del May 6, 2021

Il ministro Lecce è una persona ambiziosa, così si dice, con la leadership nel mirino. Niente di sbagliato in questo. Dovrà dimostrare il suo coraggio con alcuni "risultati finali" e con la "guida". Non troverà ostacoli, se questo è vero.

Alcuni studenti di storia canadese hanno affermato che il compromesso è un segno distintivo del nostro sistema democratico. Le persone in politica sono zeloti pragmatici piuttosto che dogmatici, sostengono. Non possono uscirne molto.

Ho visto colleghi "cacciati dal caucus" (tutte le parti) per non essere d'accordo con la struttura del potere. Le "leadership" hanno una strana predisposizione all'intolleranza per visioni contrastanti. La loro opinione è generalmente espressa al meglio come "Ciò che è mio è mio e ciò che è tuo è negoziabile". La legge e il giusto processo diventano per loro ostacoli minori.

Se vogliono qualcosa che gli altri possono concedere solo a malincuore e solo se c'è un quid pro quo, allora la Legge e il giusto processo vengono messi da parte.

Non sorprende che alcuni consigli scolastici (cattolici) siano stati fatti a pezzi perché i loro amministratori e amministratori sono stati sedotti, o intimiditi, nell'accettare il punto di vista del ministro Lecce secondo cui devono adottare il Codice dei diritti umani in tutti gli aspetti del loro curriculum e delle loro operazioni.

In sostanza è stato detto loro di ammettere che "non erano all'altezza dello standard". Quali standard e in base a quali misurazioni nessuno potrebbe o vorrebbe dire. Potrebbe offendere il ministro. Invocare la difesa di Norimberga.

Ma l'Education Act proibisce al Ministro di interferire con qualsiasi cosa abbia a che fare con i diritti confessionali delle Scuole Cattoliche sanciti dalla Costituzione. E la sezione 19 dell'HRC dice espressamente che l'HRC non si applica alle scuole cattoliche. Nessuno di loro può obbligare gli amministratori a fare qualcosa che tradisca i loro obblighi fiduciari nei confronti dei genitori che hanno il diritto di mandare i loro figli alle scuole cattoliche e di farsi impartire quella cattolicità.

Ci sono elettori o lobbisti egoisti pronti ad esprimere la loro opinione, anche in modo stridente, che non sono d'accordo con la dottrina, ma se hanno una "posizione" di sostanza, il magistero è il riferimento appropriato per il dibattito.

Inoltre, gli amministratori non possono "negoziare" i diritti dei loro elettori cattolici. Gli avvocati possono argomentare in modo diverso (cosa di cui dubito) ma i fiduciari commetterebbero un atto illegale se lo facessero o lo tentassero.

Mi piacerebbe pensare che il ministro Lecce non avesse previsto consigli contrari alla Legge e che quel consiglio gli fosse venduto come “la cosa giusta da fare”. Tuttavia, quel consiglio ha suscitato un vespaio di denigrazione contro individui e organizzazioni e ha portato a battaglie legali che lasceranno lui e loro sfregiati.

Da un punto di vista personale, alcuni dei suoi alleati si sono uniti alla sua causa e continuano a sostenere l'argomento che i diritti umani, l'inclusività e l'uguaglianza sono preminenti. Nessun problema: questi valori sono inseriti nella “regola d'oro” cattolica e praticamente in tutti gli insegnamenti emanati dal magistero.

Il problema è che quegli attivisti radicali sostengono un gioco a somma zero con i loro implacabili ritornelli di omofobia e transfobia che scagliano contro chiunque provenga da un ambiente cattolico - solo per essere cattolico. O che gli ambienti cattolici in qualche modo rappresentano spazi non sicuri per i bambini che possono sentirsi minacciati / intimiditi / feriti a causa della loro sessualità percepita.

Tale argomentazione è ovviamente una sciocchezza. Chi negherebbe l'aiuto ai bambini bisognosi? Affrontare questi bisogni è il motivo per cui i consigli di amministrazione assumono insegnanti e personale di supporto. L'abbandono di epiteti intrecciati con "sistemico questo" e "sistemico quello" è un insulto a coloro che hanno costruito il sistema scolastico separato basato sulla fede a Toronto e oltre.

Se gli insulti gratuiti e gli assecondamenti spudorati al ministro (qui oggi, domani sparito) non sono il fine del gioco, allora il vero obiettivo deve essere la Chiesa stessa.

I Barbari potrebbero non essere ancora alle porte - per così dire - ma stanno per attraversare il proverbiale Rubicone. Il gregge del cardinale ha bisogno della sua guida in anticipo, così come la difesa dei diritti confessionali costituzionalmente incorporati.

PER LEGGERE I COMMENTI PRECEDENTI: https://www.corriere.ca/il-commento

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.