La non partecipazione alle elezioni
e quei candidati
che disprezzano le regole

di Joe Volpe del 28 October 2022

TORONTO - Un ex collega cinico di fede NDP una volta ha condiviso questa pepita di verità in un'amichevole discussione politica davanti ad un buon caffè: la democrazia non è altro che un esercizio di dieci minuti per votare alle elezioni. Avrebbe potuto aggiungere... per coloro a cui importa. Il tasso di partecipazione a livello provinciale di lunedì, di appena il 27%, suggerisce che non importa a molti.

Questo nonostante il fatto che i commissari elettorali praticamente ovunque sembrino fare di tutto per rendere facile la registrazione come elettore e di votare comodamente da dove vuoi - digitalmente o di persona per un periodo di tre settimane.

Pensateci: al 73% dei residenti idonei (tre persone su quattro di età superiore ai diciotto anni) non potrebbe importare di meno. E non avrebbero nemmeno dovuto "scomodare i loro c *** fuori dal letto" per votare.

Inoltre, poiché i funzionari elettorali comunali in varie giurisdizioni non hanno il potere di chiedere o far rispettare qualifiche riguardanti l'idoneità alla cittadinanza o alla residenza, quasi tutti possono votare. È più facile ottenere una tessera elettorale che acquisire una "carta fedeltà" in un supermercato.

I truffatori possono quindi scatenare il caos con la legittimità, virtualmente con impunità. I funzionari di vari Comuni e Ministeri provinciali adottano un approccio di noncuranza fino a quando non viene richiesta l'azione legale innescata da una denuncia. Nessuno si assume la responsabilità del singolo evento più importante nella vigilanza e nella responsabilità dei doveri democratici.

Di conseguenza, le assurdità germogliano come funghi nel processo. Si va dal tragico al ridicolo. Chiunque ne avesse la motivazione trasformerebbe alcuni dei casi locali più eclatanti in eventi denunciabili.

Ad esempio, la consigliera dell'area di Scarborough, Cynthia Lai, è morta circa 48 ore prima del giorno delle elezioni; il suo nome è rimasto nella scheda elettorale. È ovvio dedurre che molti avrebbero espresso un voto per lei nelle urne anticipate e il giorno delle elezioni. I voti di quegli elettori non sono stati conteggiati nello scrutinio finale.

Dall'altra parte della città, nell'elezione del Provveditorato Cattolico, Ward 1, il conteggio automatizzato ha dichiarato il giorno concluso ed è risultato vincitore lo sfidante, con sette voti. Al mattino, la stessa "macchina" ha dichiarato vincitore il fiduciario uscente per un voto.

Più a sud, nel quartiere di Etobicoke, Quartiere 2, il presuntuoso, misogino, cattolico-odiatore, "la legge si applica a tutti tranne me", De Domenico, ha violato tutte le procedure elettorali che si possono immaginare, a cominciare dal lancio di campagne di raccolta fondi prima di registrarsi da candidato; utilizzando le risorse degli studenti per sviluppare e distribuire opuscoli in stile campagna prima delle elezioni e violare i regolamenti relativi alla collocazione di cartelli elettorali vicino ai seggi elettorali (nella foto in alto e qui sotto).

Domenica al tramonto, mi sono imbattuto in due agenti delle forze dell'ordine di Toronto nell'atto di rimuovere i cartelli elettorali che pubblicizzavano il consigliere locale. Hanno affermato di farlo perché “era stata presentata una denuncia”. Le insegne erano lì da almeno due settimane. Nessuna delle altre è stata rimossa.

I reclami riguardanti "le qualifiche e l'ammissibilità" di due [acclamati] candidati fiduciari ai consigli delle scuole di lingua francese hanno portato alla loro squalifica da parte del Commissario Elettorale alla vigilia del giorno delle elezioni.

Ad Halton, un ex fiduciario studentesco registrato per votare si è poi trasferito in un'università fuori città, violando così il titolo di residenza. Diversi candidati si sono rifiutati di fornire la prova che erano "elettori cattolici" secondo la definizione nella legge sull'istruzione o nella legge municipale. Loro “hanno frequentato le scuole cattoliche", dicevano, o lo fanno i loro figli. Nessuno dei due li qualifica ai sensi della legge a far parte del consiglio.

Importa? Solo se siete d'accordo sul fatto che il vicino dall'altra parte della strada possa entrare in casa tua e spegnere il riscaldamento e l'elettricità e moralizzare su come dovresti condurre la tua vita.

PER LEGGERE I COMMENTI PRECEDENTI: https://www.corriere.ca/il-commento/

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.