Ipocrisia e doppiezza,
il TCDSB come il Tartufo di Moliére  

di Joe Volpe del May 4, 2021

TORONTO - Ogni volta che partecipo (virtualmente o di persona) alle riunioni del Toronto Catholic District School Board, mi immagino tra il pubblico di uno spettacolo della produzione comica di Molière, Il Tartufo. Non è un complimento.

Vale a dire: è difficile prendere sul serio queste persone. Tartufo, il personaggio e l’opera teatrale, è diventato sinonimo di ipocrisia, doppiezza, pia frode e tradimento. Si tratta di termini che si allineano all’abnegazione degli obblighi giurati e al dovere verso obiettivi organizzativi. Queste sono le persone a cui abbiamo affidato i nostri figli e il nostro futuro. Un confronto con Tartufo dovrebbe preoccupare l’oggetto del confronto.

Il TCDSB, come minimo, deve sicuramente qualificarsi come un’organizzazione disfunzionale, come così definita dal proprio Presidente Joe Martino. Il direttore (CEO responsabile dell’esecuzione delle operazioni di un’impresa commerciale, con un bilancio complessivo superiore a $1,2 miliardi all’anno) ha molta responsabilità.

Le scuole separate, cattoliche, esistono per un motivo specifico. Lo so perché la dichiarazione d’intenti del TCDSB e di tutti i consigli scolastici cattolici lo dice. Inoltre, ho speso delle risorse per familiarizzarmi con le questioni costituzionali e la giurisprudenza. In poche parole, che mi piaccia o no, le scuole cattoliche esistono, in parte, per insegnare e promuovere la dottrina e i valori cattolici nelle loro scuole.

Il personale non può modificare tale obbligo. Non è un mandato che i fiduciari possono modificare. La legge non è dalla loro parte. Né la Carta dei diritti né il codice dei diritti umani possono derogare ai diritti confessionali dei cattolici. Il diritto costituzionale alle scuole separate (cattoliche) in Ontario si applica solo ai genitori che sono elettori della scuola cattolica o che, su richiesta speciale, hanno la possibilità di frequentare scuole riservate ai cattolici. Chi decide che cosa costituisce il cattolicesimo è prerogativa del Magisterium (il rappresentante pontificio). Nel caso del TCDSB, significa il Cardinale.

Anche se rimane in silenzio (in tutta onestà, ha chiarito le sue aspettative lo scorso autunno, ma diversi trustee e funzionari gli hanno detto irriverentemente di "andare a quel paese"), i genitori non hanno ceduto i loro diritti nella Costituzione, nella Legge sull’istruzione, nella Carta o nel Codice dei diritti umani al direttore Browne o al sovrintendente Caccamo o al loro comitato di attivisti radicali, ex studenti e altri consulenti sulle questioni di equità.

Questi hanno colmato il vuoto dei non partecipanti alla Chiesa e dei non messaggi da parte del clero competente perché al pubblico è vietato partecipare alla congregazione religiosa. I riti, i simboli e i gesti che definiscono e riuniscono i fedeli non ci sono più.

Come osservatore, cattolico, un Generale mi ha malinconicamente sottolineato, "una volta che spariscono, cosa rimane?". Possono salutare la bandiera, ha detto, rispondendo alla sua stessa domanda.

PER LEGGERE I COMMENTI PRECEDENTI: https://www.corriere.ca/il-commento

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.