Il sentiero delle ostilità
tra Ucraina e Russia

di Joe Volpe del February 18, 2022

TORONTO - Questa "crisi" si stava preparando da tempo. Tutti i Paesi stanno valutando cosa fare e come reagire, poiché la Russia continua a "spingere i limiti". Il Canada non avrà davvero molta scelta se le azioni deriveranno da obblighi nei confronti di altri alleati della NATO. L’Ucraina non è uno di questi.
Questo non ci obbliga a rimanere fermi. E, in tutta onestà, abbiamo già dichiarato di spostare il nostro personale militare di stanza nell’area nel territorio del nostro alleato più vicino geograficamente della NATO, la Polonia, per ogni evenienza. Il motivo per cui ci impegniamo dipende da una serie di questioni che potrebbero definire gli interessi canadesi, anche se l’Ucraina è distante circa 7.750 km (Toronto – Kiev).

Dal 2016 al 2020, il commercio bilaterale di merci tra il Canada e l’Ucraina è stato in media di $ 340,6 milioni all’anno (Statistics Canada). Per fare un paragone, equivale all’incirca al 20% del budget per gestire annualmente il consiglio scolastico del distretto cattolico di Toronto.

I numeri sono ancora meno impressionanti se si considera che i 340,6 milioni di dollari riflettono le esportazioni di merci canadesi in Ucraina di 213,4 milioni di dollari e le importazioni di merci canadesi dall’Ucraina di 127,3 milioni di dollari, per una bilancia commerciale netta a favore del Canada di 86,1 milioni di dollari.

Nonostante tutta l’esposizione mediatica dell’Ucraina e il tintinnio della sciabola associato alle intenzioni russe sul confine comune, è probabile che non faremo nulla o molto poco se succede qualcosa. Beh, non proprio. Faremo un sacco di “discorsi”, parleremo molto.

Parlare ha un certo valore. La nostra appartenenza all’Organizzazione del Trattato Nord Atlantico (NATO), e i nostri alleati in essa, richiederebbero di parlare con una sola voce. Più parliamo là, meno è probabile che le persone ricorrano alla sparatoria. Ciò è particolarmente vero se la retorica che circonda i progressi russi continua a concentrarsi sui desideri ucraini di bilanciare l’influenza politica e militare russa nell’area cercando l’adesione alla NATO come causa delle ultime minacce bellicose.

In poche parole, e nulla è semplice nella diplomazia, gli interessi nazionali dell’Ucraina potrebbero essere meglio serviti aderendo alla NATO. Una tale mossa potrebbe non essere nel migliore interesse della Russia e non è percepita come tale dal presidente Putin. Questo spiega la lunga e crescente lista di leader europei che si recano a Mosca nel tentativo di disinnescare la situazione.

Il mondo ha "già visto questo film prima". Quando l’ex Unione Sovietica (di cui l’Ucraina era membro) crollò all’inizio degli anni ’90, il Canada divenne il primo paese occidentale a riconoscere l’indipendenza dell’Ucraina, il 2 dicembre 1991.

Il sito web di Global Affairs vanta il fatto che "Canada e Ucraina hanno intrattenuto uno stretto rapporto da allora. La nostra relazione bilaterale è rafforzata da cordiali legami interpersonali, radicati nella comunità ucraino-canadese di 1,3 milioni di persone".

Inoltre, "la dichiarazione congiunta del 1994 sul partenariato speciale  riconosce il sostegno del Canada allo sviluppo dell’Ucraina e l’importanza della cooperazione bilaterale". Lodevole, ma non abbiamo messo molto altro in vetrina. Né è probabile che lo faremo a meno che tutte le altre potenze della NATO non decidano di agire di concerto. Dopotutto, sono più vicini alla situazione e saranno i primi a risentirne se qualcuno accende la miccia.
Parlare può tenere a bada questa possibilità.

(Traduzione in Italiano a cura di Marzio Pelù)

PER LEGGERE I COMMENTI PRECEDENTI: https://www.corriere.ca/il-commento/

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.