Il giorno delle elezioni
si avvicina: come voterete?

di Joe Volpe del September 15, 2021

TORONTO - Ho votato col voto anticipato. Come molti lettori del Corriere Canadese, sono rimasto sorpreso dai profili dei distretti descritti quotidianamente da Priscilla Pajdo nelle nostre pagine. Nessun’altra pubblicazione ha fornito ai propri lettori un quadro così ampio e dettagliato di qualsiasi circoscrizione elettorale come i suoi articoli. Si è concentrata sui distretti in cui il 9% o più della popolazione è di origine italiana.

I numeri sono sbalorditivi. Ciò che sorprende è che almeno due dei tre "partiti maggiori" hanno deciso che non varrebbe la pena di fare pubblicità in quella (nostra) comunità.

È stata una loro scelta. Più precisamente, nessuna dei partiti ha incluso quella comunità nei loro messaggi su dove gli italocanadesi si inseriscono nella loro visione del Canada. Perché no?

Gli italocanadesi sono una delle più grandi comunità etno-culturali, che comprende circa il 5% della popolazione del paese secondo l’ultimo censimento del 2016. Ce ne sono altri tre nell’intervallo dal 4% al 5%.

Generalmente, tutti "si sono fatti da soli", pagano le tasse, valutano il possesso della casa e il valore del "mattone", sostengono le organizzazioni che contribuiscono al bene comune e sostengono lo stato di diritto. Come pratica, queste "comunità stabilite" non piagnucolano a meno che non offrano anche una soluzione da considerare.

Per essere educati, a giudicare dagli elementi di dibattito offerti in questa campagna elettorale, il processo politico non sembra essere consapevole della loro esistenza. In un paese in cui la leadership politica sta cadendo su se stessa per esaltare nei termini più brillanti e auto-adulatori la sua adesione ai concetti di "diversità" e la sua importanza per la società canadese, non riesce a suggerire che ogni provincia si conformi.

Tassare chi lesina e risparmia per comprare la propria casa è diventato in qualche modo il mantra per risolvere i problemi di chi – per qualsiasi motivo – potrebbe non trovarsi in una posizione simile.

Tuttavia, la città di Toronto può trovare i fondi per affittare camere d’albergo (qualità a quattro stelle) al tasso di $ 3.000. 00 al mese e ancora prevalgono sui partiti politici per allentare i cordoni della borsa per di più mentre belano che gli alloggi a prezzi abbordabili sono al di là della portata dei bisognosi.

Ho già detto che siamo nel bel mezzo di una pandemia che minaccia di sconvolgere ancora una volta i nostri "normali" stili di vita? Apparentemente, le soluzioni qui sono scarse quanto la disponibilità di alloggi. Di una cosa sono sicuro: è colpa dell’altro. Lo so perché questa è la risposta standard a tutte le domande sollevate durante questa campagna elettorale.

Questo potrebbe essere il motivo per cui la "popolarità" di Max Bernier ha subito un’impennata. Anche se anche lui è d’accordo sul fatto che è colpa degli altri, dice di avere una risposta. Non gli è stato permesso di partecipare al dibattito organizzato dai “capoccioni” della stampa di Ottawa, quindi non lo sapremo mai.
Sentivo di dover votare comunque.

PER LEGGERE I COMMENTI PRECEDENTI: https://www.corriere.ca/il-commento/

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.