Elezioni in cerca
di capri espiatori

di Joe Volpe del July 26, 2021

TORONTO - La “moralità pubblica” è l'unica questione per le prossime elezioni. Così dice ogni politico in cerca di rielezione. Come definiamo questa moralità? Con un credo che i nostri leader “si fanno al volo”, o almeno così sembra.

Durante il mese di giugno, le notizie che hanno riecheggiato in tutto il mondo sono state relative a storie di oppressione, discriminazione, repressione, genocidio, razzismo sistemico, fanatismo sistemico, "esclusione", corruzione, disonestà e violenza, hanno spinto tutto il resto "fuori dalla prima pagina”. Questo in Canada.

Il filo conduttore è qualcosa chiamato "altro" - imporre un senso di colpa per errori reali o percepiti sugli altri - è colpa di qualcun altro, la fobia di qualcun altro, il sistema di credenze di qualcun altro.

Che ironia, e coincidenza, che il 9 luglio, prima di una conferenza per denunciare l'islamofobia (dovrebbe essere sempre denunciata), 75 imam musulmani hanno denunciato il presunto "genocidio" guidato dalla religione perpetrato e tentato contro le comunità aborigene del Canada dai coloni europei, ora ridefiniti “colonizzatori”. Dopo aver letto il comunicato stampa, sarà difficile discernerne uno scopo altruistico per il contenuto.

È un “biglietto gratuito” per i politici, del passato e del presente, che saltano a bordo per “far vergognare” chiunque/qualcosa legato direttamente o a distanza alle Scuole Residenziali, le ultime delle quali chiuse nel 1996, 25 anni fa. La prima di esse fu aperta dall'allora Dominion of Canada nel 1884 come parte di un programma di integrazione/assimilazione. Secondo la Truth and Reconciliation Commission (TRC), a quanto pare, circa 150.000 sono passati attraverso il sistema. Nel 1996 circa 90.000 di quei bambini (ora adulti) erano ancora vivi.

Comprensibilmente, molti altri non lo erano. Nei precedenti 115 anni, molti morirono a causa di malattie che il loro sistema immunitario non era sviluppato abbastanza da poter combattere, specialmente in condizioni che sembravano favorire la loro diffusione prima della scoperta della penicillina, dell'insulina e di altri farmaci. Non conosciamo con certezza la causa, la data né l'età al momento della morte degli altri. Purtroppo, alcuni/molti dei deceduti hanno sofferto per mano di adulti che avevano il compito di vigilare su di loro.

Sia il Primo Ministro del Canada, Stephen Harper, che l'allora Papa (Benedetto XVI) hanno espresso tristezza e rimorso. Il Primo Ministro ha chiesto scusa nella Camera dei Comuni. Il Papa ha invitato la leadership aborigena in Vaticano, dove ha espresso loro il rammarico, il dolore e il rimorso della Chiesa. Phil Fontaine, Grand Chief dell'AFN (e nella mia esperienza, un instancabile sostenitore dei diritti degli aborigeni) è stato citato in un rapporto della CBC del 29 aprile 2009, per aver detto: "questa esperienza mi dà grande conforto ... [spero che] chiuda il libro sulla questione delle scuse.”

Una relativamente piccola ma non trascurabile parte delle “soluzioni” confermate è stato il contributo del governo del Canada (nel 2007) di 1,9 miliardi di dollari per “attività di verità e riconciliazione, compensazione e formazione scolastica”. La Chiesa cattolica ha contribuito in gran parte con 79 milioni di dollari a iniziative simili, ma principalmente per accertare e contrassegnare le tombe dei defunti.

Ora la "scoperta di tombe anonime" è equiparata, senza prove corroboranti, a "fosse comuni". L'allusione al comportamento criminale associato sembra intenzionale. I tipi senza scrupoli colgono l'occasione per tirare un calcio gratuito contro “la Chiesa cristiana” – quella cattolica e i cattolici in particolare.

Forse sentono che in un ambiente democratico ci sarebbe più guadagno politico da ottenere calunniando i seguaci di quel sistema di credenze che promuovendo un dibattito sui problemi. O non consegnando alla giustizia gli autori dei 48 episodi di vandalismo e incendi doloso contro le chiese cristiane.

Nella foto, un tweet di Mykhallo NORTH

PER LEGGERE I COMMENTI PRECEDENTI: https://www.corriere.ca/il-commento/

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.