Corsa alla presidenza del TCDSB
tra colpi bassi, accuse e minacce

di corriere canadese del November 23, 2021

TORONTO - È solo politica del consiglio scolastico, si potrebbe dire. Ma non è proprio così. Non ci dovrebbe essere tolleranza per l’aggressività narcisistica nei confronti dei propri colleghi in un consiglio di amministrazione, specialmente nei provveditorati agli studi.

Questo giovedì, gli amministratori del Provveditorato Cattolico di Toronto sceglieranno [a porte chiuse, all’inizio] chi tra loro guiderà il consiglio e le sue commissioni. A giudicare dall’intensità dei negoziati preliminari, verrebbe da pensare che sia in gioco la carica di Presidente del Consiglio dei Ministri.

Queste sono le persone responsabili dell’educazione dei nostri figli, quelle che dovrebbero prepararli con le competenze di cui hanno bisogno per avere successo in un’economia postmoderna e per essere in grado di interagire socialmente con un sano senso civico di responsabilità. In un consiglio cattolico esiste anche una “connessione di fede” costituzionalmente convalidata.

Il Corriere ha contattato tutti i fiduciari. Alcuni hanno risposto. Gli abbiamo dato spazio. Altri hanno preferito seguire la propria strada. Uno di loro, un fiduciario di Etobicoke, ha manifestato reazioni negative per il suo ben documentato disprezzo per le cose cattoliche e per le preoccupazioni dei genitori che non condivide. Sta cercando la carica di presidente e si è rivolto ai social media per esercitare "pressione [sui] fiduciari [... minacciando di farli vergognare] su Facebook se non voteranno per lui", dice un fiduciario (che però ha voluto mantenere l’anonimato).

Abbiamo indicato che ancora un altro ha fatto riferimento specificamente all’emergere di una campagna "chiunque tranne" per fermare quel candidato dall’Etobicoke. Parte del problema è che il voto dovrebbe svolgersi a porte chiuse in modo da mantenere un elemento di civiltà. Il post che pubblichiamo in basso suggerisce che questa persona sta usando le risorse del suo consiglio di amministrazione per intimidire i colleghi "rivelando" le loro decisioni a porte chiuse. Buono per la stampa; non così buono per il consiglio.

Come ha scritto un fiduciario in un messaggio di testo confidenziale: "abbiamo sopportato tutti i [suoi] attacchi e le sue mezze verità per un po’, e non è salutare". "Da un po’ di tempo ha permesso l’umiliazione dei suoi colleghi [sui social media, su una pagina Facebook amministrata da lui]".

Nel frattempo, un “contro gruppo” di genitori ha avviato un processo di reclutamento per selezionare i candidati che lavoreranno per estromettere dal consiglio il fiduciario di Etobicoke e i suoi sostenitori.

 

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.