Condividere i fatti prima
di alimentare l’odio

di Joe Volpe del July 2, 2021

TORONTO - Non sono in grado di capire come gli atti dolosi contro icone di affiliazione religiosa dovrebbero guadagnare simpatia o tirare il senso di colpa di chiunque per i torti percepiti commessi in passato. Non aiuta che il pennello della colpa per associazione dipinga tutti e tutte le cose cattoliche. Forse questo è il risultato previsto.

Un movimento cristiano durato duemila anni è ora apparentemente il capro espiatorio per tutte le comunità minoritarie autodefinitosi emarginate, oppresse e "offese", cioè il cosiddetto movimento del "grande reset". Quindi, una religione può essere abbattuta, e insieme ad essa le ideologie e i principi che costituiscono le basi dei concetti cultura-li-legali che guidano la civiltà occidentale che chiamiamo nostra.

Sapete, quello che dice: "Amate il prossimo come amate voi stessi e Dio sopra tutti gli altri". Oppure, in termini più laici, "egalitè, fraternitè, libertè" che è emerso da uno dei più violenti "grandi reset" in uno dei più grandi paesi colonizzatori del mondo (la Francia rivoluzionaria).

Quale insieme di valori e filosofie offriamo come sostituti? Come possiamo garantire che un sistema di monitoraggio funzioni in modo più efficiente ed efficace di quello che abbattono? Qualcuno ne ha già parlato Che cosa ha suscitato l’"indignazione pubblica" contro i cattolici, il cattolicesimo e la Chiesa?

Il Corriere Canadese è nel business delle notizie. Non è una chiesa né un’organizzazione educativa. Cerchiamo di ottenere i fatti, verificare e analizzare il più possibile, quindi analizzare in modo critico e commentare. Ci chiediamo che cosa ci sia di nuovo; cosa c’è di diverso da quello che sapevamo prima?

Giugno è stato un mese in cui tali domande non sono mai state più pertinenti …o dimenticate. Ci è stato detto, ad esempio, che i sensori "penetranti nel terreno" hanno identificato la presenza di tombe adiacenti alle ex scuole residenziali. Possano le anime dei defunti riposare in pace. Rispetto e dignità dovuti ai defunti sarebbe la prima reazione di ogni essere educato.

I "campi santi", cimiteri, sono stati chiusi e abbandonati per mezzo secolo. I siti non sono contrassegnati. Qualunque sia l’accuratezza della tecnologia che li ha scoperti, nessuno ha ancora indicato l’età dei defunti come, quando o perché sono morti.

Sappiamo che il governo del Canada (più propriamente il Dominio di Sua Maestà del Canada) ha istituì le scuole residenziali come parte del programma di integrare le comunità aborigene nel "mainstream canadese".

Il clero o le chiese che li gestivano erano agenti di quei governi. Se ci sono documenti (perché non dovrebbero  esserci?) per aiutarci a capire meglio cosa sia successo, gli eredi di quei governi dovrebbero essere meglio attrezzati per divulgare le informazioni.

Fino a quando ciò non accadrà, tutti sono sviati a credere e ad aspettarsi il peggio per i 150.000 iscritti in quelle scuole per mano di uomini e donne che sono morti da tempo.

PER LEGGERE I COMMENTI PRECEDENTI: https://www.corriere.ca/il-commento/

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.