Ma chi c***o gestisce questa organizzazione?

di Joe Volpe del May 24, 2021

TORONTO - In quanto organizzazioni, i consigli scolastici cattolici hanno un ruolo costituzionale specifico da svolgere nella società canadese. Quello di Toronto sembra essere ossessionato dalle cose sessuali, siano esse questioni sostanziali come i programmi di studio o quelle simboliche come lo sventolio di bandiere.

O il CEO - il Direttore dell'Istruzione - non è chiaro sui suoi doveri di leadership o il Consiglio sta violando il suo mandato. In ogni caso è nei guai. Così lo è il ministro dell'Istruzione la cui ombra oscura incombe su entrambi mentre spinge un ordine del giorno che la legge gli vieta di tentare di esercitare.

Come dovrebbe essere ormai ampiamente noto, il 6 maggio, su insistenza del Direttore e dei suoi collaboratori, il TCDSB ha deciso di proclamare giugno mese dell'orgoglio e di sventolare di conseguenza la bandiera arcobaleno. Le opinioni del magistero (il cardinale) al quale entrambi devono la loro esistenza e al quale giurano obbedienza sono state rigettate sul suo volto con sprezzante sdegno.

I sindacati degli insegnanti di livello elementare e secondario (entrambi ora in trattative contrattuali con il loro datore di lavoro ... compresa la Provincia) sono saliti a bordo, per così dire. Non sostituiscono il magistero nella Legge. Il loro compito è fornire un ambiente di apprendimento sano e sicuro per lo sviluppo personale e delle competenze dei bambini affidati alle loro cure. A quanto pare, non riescono a convincere loro stessi su quali strategie seguire per fornire "spazi sicuri".

Un certo Paolo De Buono, i cui attacchi su Twitter diretti contro il cardinale, contro i valori cattolici e contro il suo datore di lavoro - il TCDSB - gli avrebbero guadagnato un licenziamento sommario in un altro contesto, mentre insisteva sulla questione degli spazi sicuri e della bandiera, si è affidato a Twitter, in un impeto di trionfalismo, per dichiarare che avrebbe portato delle accuse davanti al Tribunale per i diritti umani contro lo stesso TCDSB per le sofferenze da lui sopportate durante la sua lotta (qui sotto, il suo tweet).

Il Sig. De Buono non si è reso disponibile per un commento via email.

Per non essere da meno, il direttore ha ordinato alla sua burocrazia di preparare un censimento (sotto, alcune delle domande) in cui costringerebbe tutti i presidi affinché i genitori / studenti fornissero un'autovalutazione della sessualità del loro bambino durante il passaggio al liceo. Sì, Cappuccetto Rosso, "occhi tanto grandi per vederti meglio" (qui potete leggere le domande contenute nel censimento: Appendix A - TCDSB Grade 9 Student Census - May6_2021)

La legalità di tale indagine è discutibile e l'utilità dei "dati" così derivati ​​è dubbia nel migliore dei casi. Questi bambini hanno 13-14 anni. I cambiamenti ormonali, fisiologici, emotivi e fisici sono l'ordine naturale dell'età, a meno che ai "non evoluti" manchi qualcosa. Questo è un autogol, che suggerisce che gli insegnanti e il personale della "sede centrale" sono gli unici ignari delle dinamiche. Tuttavia, la "psicologia infantile elementare" dell'età evolutiva è parte integrante della formazione pedagogica per tutti gli insegnanti.

Che il sondaggio sia un autentico tentativo di "raccolta dati" o uno sforzo per identificare chi potrebbe essere vittima di bullismo per la propria "sessualità" (che, ricordiamolo, è in uno stato di evoluzione), questo tende all'usurpazione dei diritti dei genitori per determinare cosa è meglio per i loro figli.

È una madre rara quella che resta insensibile alle sfide che devono affrontare i propri figli nel viaggio attraverso la vita. Ogni genitore è preoccupato per la sicurezza del proprio figlio.

Diversi gruppi di genitori (compresi i genitori come primi educatori - PAFE) hanno immediatamente inviato avvertimenti contro il completamento di tali sondaggi. Il Consiglio amministrativo del TCDSB ha rinviato il voto a una riunione successiva. Altri, come Lou e Michelle Iacobelli, hanno avviato una campagna di scrittura di lettere denunciando il comportamento non etico e illegale dei Trustees. Ecco alcuni estratti della loro lettera: "(...) La sezione 93 della Costituzione canadese garantisce il diritto dei cattolici di gestire le loro scuole secondo la loro dottrina – i cosiddetti diritti confessionali. Tale sezione afferma: "Nulla in nessuna di tali leggi [che derivano da cio’] pregiudica in modo pregiudizievole alcun diritto o privilegio rispetto alle scuole confessionali che qualsiasi classe di persone[cattolici romani] ha per legge nella Regionefacente parte dell'Unione". Il voto ha violato questo diritto (...) Fanno un giuramento per difendere, non sfidare, l'insegnamento cattolico. Nessun(a) amministratore si è presentato(a) alle lezioni per rifiutare la guida del cardinale Thomas Collins su tali questioni confessionali (...) La sezione 29 della Carta canadese dei diritti e delle libertà, riafferma il diritto confessionale che i cattolici hannodi avere scuole separate. Il compito dei fiduciari è difendere quei diritti, non svenderli o darli via" (potete leggere la lettera completa cliccando qui: Illegalità e immoralità prevalgono nel TCDSB).

I bambini possono spesso essere crudeli gli uni verso gli altri mentre, come i modelli ruolo degli adulti che li circondano, imparano a sfruttare le differenze a loro vantaggio personale. Non è sempre negativo, né deve esserlo. I cattolici hanno stabilito molto tempo fa che la trilogia di casa, scuola, chiesa (magistero) lavorando in concerto sarebbe stata la strategia più efficace per crescere i propri figli in un ambiente collettivo. La Costituzione è ancora d'accordo.

Forse il Covid ha creato una nuova "intellighenzia": il governo ha chiuso chiese e clero; le commissioni stanno tagliando i genitori - la casa - fuori dall'equazione.

Ma chi ha assunto queste persone?

PER LEGGERE I COMMENTI PRECEDENTI: https://www.corriere.ca/il-commento

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.