Cascata di dollari
per mascherare i problemi

di Joe Volpe del August 5, 2021

TORONTO - Ovunque nel mondo i sistemi politici e la leadership hanno preso decisioni chiave in merito alla "normalizzazione" post Covid-19 sulla base del tema centrale che l'economia non può riprendersi senza che i figli tornino a scuola. Non lo possono fare nemmeno le attività socio-culturale o un ambiente positivo per la salute mentale per bambini e adulti.

In Ontario, questi approcci politici sono stati lasciati nelle mani dell’immaturo, fuori controllo, ministro dell'Istruzione Stephen Lecce. Il suo “piano” per il rientro a scuola si riassume in due parole: “decidi tu”. Non guardare a lui o al suo governo per una logica scientifica. Basta seguire i soldi.

Ha stabilito che i consigli scolastici locali specificheranno e saranno responsabili delle misure per fornire un ambiente sicuro e sano per lo sviluppo accademico e delle competenze dei nostri figli, a condizione che rispettino alcuni protocolli di prevenzione di base del Covid, che i funzionari della sanità pubblica siano d'accordo e che tutti evitino i pericoli di “matematica razzista”.

I bambini devono indossare maschere al chiuso ma non necessariamente all'aperto, se mantengono il distanziamento sociale. Potrebbero non aver bisogno di fornire la prova della vaccinazione, ma devono rimanere in gruppi in modo che in caso di epidemia le persone interessate possano essere messe in quarantena. Se c'è un focolaio, genitori e insegnanti... beh, avete capito bene: Stephen Lecce non chiamerà.

Il resto della popolazione è convinto da mesi che un'adeguata igiene e ventilazione nelle scuole, procedure igienico-sanitarie adeguatamente osservate possano arrestare la diffusione del virus. Tutto quello che Lecce deve fare è fornire le risorse per far sì che succeda. Le sue priorità sembrano essere altrove.

In questo ultimo anno accademico – un disastro totale da ogni prospettiva oggettiva – è stato un protagonista attivo solo su questioni riguardanti le bandiere, i dibattiti interni sulla moralità nelle strutture etiche cattoliche e nel fornire un sostegno “fresco” agli annunci pubblici del Premier.

Non funziona. Sta prendendo slancio una campagna sui social che mette in ridicolo il Lecce. La dirigenza sindacale degli insegnanti sta gravitando per cercare candidature negli altri partiti poiché sempre più individui sono motivati ​​a cercare incarichi pubblici per combattere i suoi tagli all'istruzione e la sua totale incompetenza, dicono.

Indicano un taglio di 800 milioni di dollari nella spesa per l'istruzione rispetto all'anno precedente. I provveditorati non dispongono di risorse per la sanificazione degli ambienti delle aule. Nel frattempo, nel consiglio scolastico del distretto cattolico di Toronto, negli ultimi dieci mesi, ha approvato la spesa di circa 85 milioni di dollari per le scuole nelle circoscrizioni di due dei suoi alleati fiduciari compiacenti nella sua ricerca per minare la dimensione di fede del sistema delle scuole cattoliche nell'Ontario.

Quella somma sarebbe l'equivalente di stanziare e spendere $500.000 per ciascuna delle 190 scuole del TCDSB in modo che i nostri figli possano seguire le lezioni in un ambiente adeguatamente ventilato e igienizzato. Ci puoi contare: lui interpreterà questo come un'aritmetica razzista e bigotta.

Mentre scriviamo è in corso la conferenza stampa del ministro dell’Istruzione Lecce (nella foto in alto) nel corso della quale ha annunciato lo stanziamento di 25 milioni di dollari per i sistemi di ventilazione. Ma questi, sono fondi nuovi?

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.