“VCI, stop alla società
a scopo di lucro”

di corriere canadese del March 4, 2021

TORONTO - Egregio Editore, ho letto il suo articolo sulla partenza di DiCaita (l'articolo è qui: DiCaita se ne va, non ne sentiremo la mancanza).

Ieri ho inviato una e-mail a quello che pensavo fosse ancora un direttore del Columbus Centre. Si è scoperto che si era dimesso di recente. Ho seguito una telefonata che mi ha rivelato che le cose sono peggiori al Columbus Centre di quello che pensavo potessero essere.

Sembra che l’unica operazione che fa soldi siano gli appartamenti degli anziani. Tutte le operazioni sono ora controllate direttamente dal consiglio di Amministrazione di Villa Charities ad eccezione della struttura atletica (che ha bisogno di centinaia di dollari, se non milioni, per renderla commercializzabile) e della scuola di danza che sono entrambe controllate indirettamente.

Villa Charities è stata costretta a versare tutti i suoi soldi nell’operazione Villa Columbo. L’attuale consiglio di amministrazione del VCI sembra essere composto da nuovi direttori con poca comprensione o apprezzamento per la fondazione di un centro comunitario da parte del Columbus Centre.

L’unico modo in cui potevo vederlo sopravvivere sarebbe stato convertire l’intera operazione in un membro di proprietà, non per società a scopo di lucro, dove ogni membro possedeva una quota e il consiglio di amministrazione era democraticamente eletto da questi membri (potevo vedere diverse classi di appartenenza a prezzi diversi da "abbonamenti sociali", "abbonamenti diurni", "membri senior" e "membri di club sanitari"). Si ritiene che questa idea sarebbe stata totalmente respinta dall’attuale consiglio VCI che vorrebbe mantenere il proprio potere.

Forse si potrebbe prendere in considerazione se fallisse e un nuovo consiglio di amministrazione della comunità di proprietà dei membri nascesse dalle ceneri. Il fallimento risolverebbe certamente le numerose cause che VCI deve affrontare - i querelanti non possono ottenere sangue da una pietra. Hanno i loro problemi. Grazie a CASA, non possono più vendere facilmente la terra per ottenere i finanziamenti di cui hanno disperatamente bisogno. Non c’è da stupirsi che il mio nome e CASA fossero odiati dai registi, quindi è improbabile che non si rivolgeranno a CASA (che rappresenta la comunità) per chiedere aiuto. Nessun percorso logico facile si presenta a loro.

Ian Duncan MacDonald

ENGLISH VERSION: https://www.corriere.ca/columbus-centre/convert-the-entire-operation-over-a-member-owned-not-for-profit-corporation/

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.