“La revisione dei vaccini
non tiene il passo delle varianti”

di corriere canadese del January 17, 2022

OTTAWA - I vaccini specifici per le varianti possono essere approvati più velocemente di quelli emessi per la prima volta per combattere il Covid-19, ma quello contro il ceppo Omicron probabilmente non sarà pronto in tempo: ad affermarlo è la dottoressa Supriya Sharma, Chief Medical Advisor di Health Canada (nella foto - dal suo profilo Linkedin).

L'Omicron, insomma, ha battutto tutti sul tempo: è diventata la variante dominante in Canada in poco più di due settimane e l'Agenzia per la salute pubblica ha affermato, venerdì, che ora si ritiene sia responsabile di oltre il 90% di tutti i casi di Covid-19. E secondo gli studi, due dosi dei vaccini mRNA esistenti di Pfizer-BioNTech e Moderna non sono in grado di prevenire l'infezione da Omicron.

Numerosi studi, tuttavia, suggeriscono che i vaccini sono eccellenti nel mantenere i sintomi lievi, prevenire i ricoveri, abbreviare la degenza e abbassare il livello di assistenza per coloro che vengono ricoverati in ospedale. Un numero inferiore di pazienti vaccinati con Omicron, ad esempio, necessita di ventilazione meccanica.

Sia Pfizer che Moderna stanno lavorando a nuove versioni dei loro vaccini che prendono di mira specificamente la variante Omicron. Moderna spera di testare il suo prodotto all'inizio di quest'anno. Pfizer ha affermato che potrebbe avere 100 milioni di dosi pronte già a marzo e il Canada ha contratti per booster di entrambe le società che includerebbero anche i vaccini per le varianti. Ma Sharma ha detto che anche con il processo di revisione accelerato per le varianti del vaccino, probabilmente la revisione non è abbastanza veloce. "A quel punto, sulla base di ciò che sappiamo sull'ondata di Omicron, potrebbe benissimo essere finita", ha detto. "E poi la domanda è sempre: c'è un'altra variante in arrivo?'

La soluzione, ha detto, probabilmente risiede nei vaccini che possono colpire più di una variante alla volta.

Il comitato tecnico del vaccino Covid-19 dell'Organizzazione mondiale della sanità ha affermato la stessa cosa l'11 gennaio, sottolineando che Omicron è la quinta variante in due anni ed "è improbabile che sia l'ultima".

L'unica possibilità di fermare Omicron, al momento, sono i "booster" che, se non altro, aumentano lo sviluppo di anticorpi. Ma il dottor Srinivas Murthy, pediatra della British Columbia e co-presidente del comitato di ricerca clinica dell'OMS sul Covid-19, ha dichiarato alla stampa canadese che i booster non sono un'opzione praticabile a lungo termine. Secondo lui, Omicron non elude del tutto i vaccini esistenti, ma una variante futura potrebbe farlo. Il problema deriva in gran parte dal fatto che i vaccini originali addestrano il sistema immunitario del corpo a riconoscere quella che viene chiamata la proteina spike che si trova sulla superficie di un virus e che la proteina spike sta mutando in modo significativo: ebbene, Omicron ha più di 50 mutazioni e almeno 36 sono sulla proteina spike.

I vaccini multivalenti che utilizzano la proteina spike di più di una variante, o che prendono di mira i componenti genetici di un virus piuttosto che la proteina spike, sono forse quelli che potrebbero offrire protezione sia per questa pandemia che per il prossimo nuovo coronavirus che emergerà. "È il pan-coronavirus e non è necessario aggiornarlo ogni stagione", ha detto Murthy. "Questo è stato il Santo Graal della vaccinologia influenzale negli ultimi decenni. Non l'abbiamo ancora raggiunto, perché l'influenza è un po' complicata, ma pensiamo che sia realizzabile per il coronavirus, in particolare".

L'esercito degli Stati Uniti ha una versione che si sta dirigendo verso le prove di fase due che possono attaccare più proteine ​​​​spike. Un vaccino con le proteine ​​spike specifiche di tutte e cinque le varianti di Covid-19 avrebbe probabilmente più successo, anche contro le varianti future, perché condividono, tutte, alcune delle stesse mutazioni e ciò che uno potrebbe non rilevare, un altro potrebbe catturarlo.
Moderna sta lavorando a prove per vaccini multivalenti utilizzando combinazioni delle proteine ​​spike del virus originale e una delle varianti, o due delle varianti insieme. Ma non è chiaro quando sarebbero pronti per l'uso.

Sharma ha detto che anche se i vaccini non funzionano così bene contro le varianti come lo erano contro il virus originale, comunque "sono ancora miracolosi". "Avere un vaccino che è stato sviluppato così rapidamente, che ha ancora, attraverso molteplici varianti con booster, fino al 70, 80 per cento di efficacia contro malattie gravi, disturbi, ospedalizzazione e morte, è miracoloso per un nuovo vaccino contro un nuovo virus", ha detto.

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.