I genitori boicottano
la didattica a distanza

di Mariella Policheni del January 11, 2022

TORONTO - Alberta e British Columbia - al contrario dell’Ontario e di altre province - non si fermano davanti al numero dei casi di Covid in costante aumento e proseguono spedite con il loro piano di riapertura delle scuole. Da ieri tutti gli studenti sono tornati nelle loro classi. “Gli esperti in tutto il Canada e in tutto il mondo continuano a sottolineare l'importanza dell'apprendimento in presenza per preservare la salute generale dei nostri bambini e dei nostri giovani - ha affermato la ministra dell'Istruzione dell’Alberta Adriana LaGrange in una conferenza stampa - le famiglie mi hanno detto personalmente che le lezioni in presenza sono la cosa migliore per i bambini”.

Al momento sono tantissimi i genitori che vorrebbero affossare la didattica a distanza che ritengono inutile e dannosa per i ragazzi. “La maggior parte dei ragazzi si sente più connessa, impara meglio e generalmente prospera quando frequenta la scuola - ha aggiunto LaGrange - questo è il motivo per cui il governo dell'Alberta ha dato grande priorità all'istruzione sicura in classe e cerca di assicurarsi che le nostre scuole dispongano degli strumenti di cui hanno bisogno".

Intanto la guerra alle lezioni online corre sul web. Un gruppo di oltre 3mila persone - 3.400 per la precisione - si è unito ad un gruppo online per boicottare il trasferimento degli studenti dell’Ontario alle lezioni virtuali.

Il gruppo Facebook a partire da venerdì pomeriggio, ha utilizzato l'hashtag #dontlogon come un grido di battaglia per i genitori che ora sono costretti a passare all'apprendimento online per la quarta volta durante questa pandemia di Covid-19. “Abbiamo scelto di non accettare lo studio online - ha detto Lisa Donegan Baetz a CTV News Toronto - soppesando lo stress sul valore dell’istruzione che i ragazzi stanno effettivamente ricevendo online, la nostra decisione è stata di non far partecipare i nostri figli". “Ai miei due figli manca la routine, vedere i loro amici, il loro insegnante - ha aggiunto Oxana Roma - non so quanto stia davvero imparando un bambino di cinque anni al computer quando è a casa con ogni sorta di distrazione. Che tipo di istruzione è questa?”.

Per conciliare la didattica a distanza dei figli con il lavoro e gli impegni quotidiani in generale occorre fare i salti mortali, hanno affermato altri genitori. Nel frattempo continua la raccolta fondi organizzata dall’Ontario Families Coalition per poter intentare un’azione legale contro il governo: la pagina Go Fund Me è arrivata finora a quota 30.265 dollari.

Il governo intanto fa scena muta. L’unica dichiarazione, che ribadisce peraltro quanto già dichiarato in precedenza, è stata quella della portavoce del ministero dell’Istruzione Caitlin Clark. “Sappiamo che genitori e studenti stanno affrontando grandi livelli di difficoltà nel far fronte a questa pandemia globale - ha affermato la Clark - riteniamo che sia importante che gli studenti continuino a seguire il proprio insegnante, motivo per cui abbiamo deciso che almeno il 70% della giornata debba essere dedicato alle lezioni dal vivo”.

E la Clark ha ribadito anche l’impegno del governo a migliorare i sistemi di ventilazione delle scuole, a distribuire mascherine N95 al personale e mascherine a tre strati agli studenti oltre a garantire un accesso accelerato alle dosi di richiamo del vaccino. Fine ultimo è poter far rientrare nelle classi gli studenti della provincia il 17 gennaio anche se il premier Ford ha dichiarato che non può ancora dire con certezza se davvero sarà così.

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.