Genitori titubanti, vaccinato
solo il 6% dei bimbi

di Mariella Policheni del September 23, 2022

TORONTO - Il vaccino anti Covid non convince i genitori. Il numero di bambini di età inferiore ai cinque anni che vengono vaccinati contro il virus in Ontario è persino inferiore alla cifra relativamente piccola che molti esperti si aspettavano.

Nonostante siano disponibili da due mesi, ad aver ricevuto la prima dose è circa il 6% della fascia di età più giovane.

Il fallimento, se così si può chiamare, della campagna vaccinale diretta ai bimbi, delude e preoccupa il Chief medical officer of health dell’Ontario Kieran Moore. “Certamente voglio che un numero maggiore di famiglie prenda in considerazione l’immunizzazione dei loro bambini dai sei mesi ai quattro anni, in particolare dei bambini ad alto rischio - ha detto Moore - sappiamo che tanti bimbi - più del 5% - hanno malattie che potrebbero predisporli a problemi seri qualora contraggano il virus, per cui incoraggiamo quei genitori a parlare con il proprio medico riguardo i rischi e i benefici".

Non è affatto sorpreso di constatare che i genitori sono restii a vaccinare i loro bambini Raywat Deonandan, epidemiologo e professore associato presso la facoltà di scienze della salute dell’Università di Ottawa. Deonandan, ha affermato che nonostante i molti fattori in gioco che probabilmente sono alla base di tanta esitazione, si sarebbe comunque aspettato un numero più alto. "Non sono sorpreso che il tasso di bambini vaccinati sia basso, sono sorpreso che sia così basso - ha detto - molte persone credono a false narrazioni secondo cui la pandemia è finita e che i bambini non si ammalano quando vengono infettati dal Covid-19”.

Informazioni sulla sicurezza e l’efficacia del vaccino, secondo Deonandan, debbono essere date ai genitori in modo chiaro. “Bisognerebbe dire 'genitori, questa è una decisione che dovete prendere voi e voglio darvi tutte le informazioni in mio possesso in modo trasparente in modo che facciate la giusta scelta' ” ha concluso Deonandan.

E porta la firma dei ricercatori canadesi uno studio sugli strascichi del Long Covid. La ricerca suggerisce che alcuni pazienti che soffrono di sintomi tra cui affaticamento e insufficienza respiratoria stanno mostrando segni di malattie autoimmuni come l’artrite reumatoide e il lupus.

Manali Mukherjee, che ha condotto lo studio ed è un ricercatore delle malattie dell’apparato circolatorio presso la McMaster University di Hamilton, ha affermato che due specifici anticorpi anormali, o autoanticorpi, che attaccano i tessuti sani e sono noti per causare malattie autoimmuni, un anno dopo che hanno contratto l’infezione erano ancora presenti in circa il 30% dei pazienti.

La ricerca si è basata su campioni di sangue di persone a cui è stato diagnosticato il Covid-19 tra agosto 2020 e settembre 2021 e che hanno ricevuto cure in due ospedali a Vancouver e un altro ad Hamilton. “La persistenza degli autoanticorpi per un anno o più indica la necessità per i pazienti di consultare uno specialista in grado di testare la presenza di malattie autoimmuni - ha detto - di condizioni che includono anche il diabete di tipo 1 e la sclerosi multipla. Occorre davvero che si sottopongano a un controllo reumatologico”.

Lo studio, che ha coinvolto anche il dottor Chris Carlsten, della divisione di medicina respiratoria dell’Università della British Columbia, è stato pubblicato ieri sull’European Respiratory Journal.

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.