Wokeist mira a sostituire
la guida dei genitori

di Joe Volpe del 24 October 2022

TORONTO - I giornalisti amichevoli possono darti un passaggio gratuito e distorcere la realtà. Questa è la tua speranza, se ti comporti da "lecchino" con loro e offri loro storie che possono stampare, fino a quando il pubblico non si accorgerà di queste "notizie false".

In quest'ultima settimana, abbiamo messo in evidenza i contributi che i colleghi di altri media hanno dato al dibattito sull'ideologia di genere. La nostra società accetta che le persone possano avere, e hanno diritto ad avere, la propria filosofia di guida, ideologia o religione.

C'è chi crede che la società contemporanea debba essere guidata dalla libertà che deriva dall'abbattimento delle “barriere morali” legate alle pratiche sessuali. Altri, il 99,66% della popolazione secondo Statistics Canada, hanno una visione diversa, nonostante la loro tolleranza per la scelta individuale.

I cattolici, ad esempio, si sono guadagnati nella Costituzione il diritto di creare scuole che operino secondo l'etica, la cultura e la religione cattolica. Né il ministro dell'Istruzione né gli amministratori eletti localmente possono togliere a un cattolico il diritto di accedere a quell'ambiente educativo. I genitori possono iscrivere i propri figli ad altre scuole (pubbliche e/o private). Questa è la Legge.

Migliaia di genitori non cattolici iscrivono i propri figli nelle scuole cattoliche. Un recente caso giudiziario a York Catholic ha rilevato che 5.000 dei 55.000 studenti del Consiglio sono studenti non cattolici che si sono registrati per i benefici inerenti a un ambiente cattolico. Questo è per scelta.

Il trustee Rizzo (nella foto in alto, tratta dal suo profilo Twitter), al Provveditorato Cattolico di Toronto, non è estraneo alla manipolazione dei fatti, giustifica il suo approccio woke anticattolico al suo giornalista amichevole [...] "i fiduciari devono seguire la legge e rispettare il codice dei diritti umani".

Tranne che il Codice dei diritti umani, articolo 19 (1) afferma che nulla nell'HRC può togliere o sminuire i diritti dei cittadini cattolici romani sanciti dalla Costituzione. E nello stesso tempo... "Dobbiamo fare quello che dobbiamo fare per ogni bambino... non si tratta di costituzionalità", ha aggiunto. "È cosa è meglio per il bambino? Cosa è meglio per i nostri studenti e le nostre famiglie?"

Viene da chiedersi se alla vigilia delle elezioni, il suo giornalista preferito abbia inserito l'articolo per fornirle copertura per comportamenti più disastrosi se, Signore non voglia, uscirà vittoriosa lunedì sera.

La legge dice che i genitori determinano ciò che è meglio per i loro figli, non Rizzo.

PER LEGGERE I COMMENTI PRECEDENTI: https://www.corriere.ca/il-commento/

 

Potrebbero interessarti...