LA POLITICIZZAZIONE
DEL SISTEMA GIUDIZIARIO

di Joe Volpe del 23 October 2022

Il Provveditorato Cattolico di York ha avuto le sue difficoltà interne. Recentemente, la Divisional Court ha preso una decisione contraria ai suoi interessi, riguardo a chi può essere un fiduciario della scuola cattolica. Cioè, se studenti non cattolici, che presentano domanda di frequenza in una scuola cattolica, possono essere fiduciari dello stesso Provveditorato. In tema in questione è/era la Politica del Consiglio n. 107 che dice di no, non possono. La Corte, invece, ha deciso che possono.

Hanno deliberato tre giudici della Divisional Court, J. Lederer, J. Corbett e J. Nishikawa. Hanno esaminato le autorità negoziate dai fondatori della Confederazione Canadese (il nostro Paese) e iscritte nella Costituzione (il contratto che regola i rapporti tra i cittadini).

La questione avrebbe dovuto essere un taglio netto, che non richiedeva molto sforzo intellettuale, come si suol dire. Gli amministratori degli studenti, essendo minorenni, non possono essere ritenuti legalmente responsabili per decisioni in cui sono partecipanti passivi, anche se sono fisicamente presenti quando tali decisioni vengono prese. "Senza se e senza ma".

J. Lederer sembra riconoscerlo, nella sua decisione. Al paragrafo 74 della decisione della Corte, si legge,“Nel corso normale ciò sarebbe determinante della domanda”. Per ulteriore enfasi, aggiunge, al paragrafo 75, “Ripeto […] Gli studenti fiduciari non sono membri del Consiglio. Fanno rappresentanza al Consiglio".

J. Lederer sembra aver capito che sta affrontando difficili questioni costituzionali anche solo analizzando il caso. Nel paragrafo 74, “Questa Corte esercita moderazione nel giudicare questioni costituzionali. Quando il tribunale conclude che un atto impugnato è ultra vires (al di là dei suoi poteri), il tribunale non deciderà se la questione è costituzionale. "

Invece, si è concentrato sull'articolo 55 della legge sull'istruzione e sulla sezione 5 (1) dei regolamenti che ne derivano, che consentono al ministro di dirigere i consigli di amministrazione per attuarne le politiche. Non ha fatto però riferimento all'articolo 55. (9) “Senza limitare la generalità del comma (1), un regolamento ai sensi di tale comma può, (a) prevedere e disciplinare il processo di elezione del fiduciario studentesco, che può essere diretto o indiretto; e (b) specificare le qualifiche per gli elettori dei fiduciari degli studenti. "

Né ha fatto riferimento a questioni confessionali, linguistiche e culturali nella sezione 230.19 (1) "Niente in questa parte autorizza il ministro a interferire o controllare (a) gli aspetti confessionali di un consiglio cattolico romano"; o (2) "I poteri ai sensi della presente Parte devono essere esercitati in modo coerente con (b) gli aspetti confessionali di un consiglio cattolico romano".

Potrebbe non essere corretto ipotizzare se la decisione finale sia arrivata a seguito di "negoziazioni" tra i tre giudici o se il vero problema sia la continua, calcolata e deliberata erosione dei diritti dei cattolici secondo la Costituzione. Tuttavia…

Nel 2002, J. Corbett ha rappresentato Marc Hall contro il Durham Catholic Board per aver rifiutato di consentire al suo cliente di essere accompagnato al ballo di fine anno dal suo amante gay. La decisione è stata salutata come un punto di riferimento per la comunità non binaria dell'epoca; ed è citato più volte nella decisione di J. Lederer. L'effetto della decisione è che nella mente di alcuni si è sviluppata la percezione che i diritti confessionali cattolici possono essere confinati in classe e durante le ore scolastiche, indipendentemente dalle intenzioni degli artefici della Costituzione.

Le credenziali di J. Nishikawa mettono in evidenza la sua difesa di questioni di "equità e inclusione". Bene. I cattolici e le scuole cattoliche sono costantemente sotto attacco per le loro stesse definizioni di inclusività. Il 19 ottobre, J. Nishikawa faceva parte di una giuria di tre giudici in un caso tra il fiduciario Michael Del Grande e il TCDSB. È stata l'unica ad insistere affinché il suo pronome di genere preferito fosse mostrato in modo prominente sullo schermo.

Nel paragrafo 75 della sua decisione, J. Lederer ignora 55.9 (a) e (b) e la sezione 230.19 (1) e (2) di cui sopra.

L'YCDSB dovrebbe impugnare immediatamente tale decisione.

PER LEGGERE I COMMENTI PRECEDENTI: https://www.corriere.ca/il-commento/

Potrebbero interessarti...