Vaccini anti-Covid, parte la campagna mirata

di Mariella Policheni del July 26, 2021

TORONTO - Governi in pressing per vaccinare il maggior numero di persone possibile. In Canada, come in Italia e in Francia la luce in fondo al tunnel sembra poter arrivare solo dalle vaccinazioni a tappeto.
Il Presidente del Consiglio dei ministri italiano Mario Draghi, sempre così equilibrato e misurato non ha esitato a dire in modo chiaro e forte che le vaccinazioni sono l’unica strada percorribile. «L’appello a non vaccinarsi, è un appello a morire. Non ti vaccini, ti ammali, muori o fai morire. Questo è. Senza vaccinazione, si deve chiudere, di nuovo», ha detto nei giorni scorsi Draghi.

Anche in Francia la decisione del presidente Emmanuel Macron di imporre restrizioni ai non vaccinati ha provocato un boom nelle prenotazioni per immunizzarsi. Per non dire del presidente degli Stati Uniti Joe Biden che parlando alla Cnn ha fatto un nuovo appello a immunizzarsi considerato l’aumento dei nuovi casi di Covid-19 che nelle ultime due settimane si sono triplicati. “Se siete vaccinati non correte il rischio di essere ospedalizzati o di finire nel reparto di rianimazione o di morire", ha affermato Biden. Appelli, questi, che si contrappongono alle manifestazioni dei no vax e dei no green pass.

Anche in Ontario, per esempio, sia gli ufficiali sanitari che vari sindaci - Tory e Crombie in prima fila - spingono sull’acceleratore per convincere le persone ancora indecise a farsi immunizzare. È stato un fine settimana, quest’ultimo, in cui sono state organizzate cliniche pop-up nelle zone di Toronto dove i tassi di vaccinazione sono tra i più bassi come ad esempio a North York: qui nella Mel Lastman Square, sabato e ieri, la clinica chiamata “Vax the North” ha dato la possibilità di ricevere sia la prima che la seconda dose di vaccino. E lo stesso hanno fatto 20 Shoppers Drug Mart della provincia aperte 24 ore su 24 che per tutta la giornata di sabato hanno somministrato dosi di vaccino alle persone che hanno difficoltà a prenotare un appuntamento durante gli orari tradizionali. E così mentre spuntano sempre più pop-clinic nei quartieri con basse percentuali di vaccinati, vengono chiusi i centri utilizzati finora per vaccinazioni di massa. Il sindaco di Mississauga Bonnie Crombie ha affermato che la transizione dalle cliniche di massa a quelle locali fa parte dell'obiettivo della città di portare i vaccini alle comunità meno immunizzate, con maggiore enfasi pianificata su pop-up, cliniche drive-thru e siti di cure primarie.

E come la Crombie anche il sindaco di Toronto John Tory ripete da mesi, al pari di un disco rotto, l’importanza di farsi immunizzare. “Il modo migliore per proteggere noi stessi, i nostri cari e la nostra comunità dal Covid-19 e dalle nuove varianti emergenti è vaccinarsi completamente. Le prossime settimane sono cruciali per fermare la diffusione del virus e per proteggere ulteriormente la nostra città e i suoi residenti. Incoraggio le persone a farsi vaccinare e ad aiutarci a porre fine a questa pandemia”, ha ribadito Tory.

Porre fine alla pandemia e far ripartire l’economia: è questo il fine ultimo della spinta a far immunizzare sempre più persone. In tutto il mondo, perchè solo debellando questo terribile virus in ogni parte del pianeta avremo modo di tornare alla normalità che tutti desideriamo.

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.