Scuola, i lavoratori del Cupe
ratificano l’accordo

di Francesco Veronesi del 6 December 2022

TORONTO - Con il via libera dei membri del Cupe, finisce la vertenza sul rinnovo contrattuale del personale non docente delle scuole dell’Ontario. La maggioranza dei lavoratori coinvolti nella disputa sindacale ha ratificato la bozza d’accordo faticosamente raggiunta nelle scorse settimane tra i negoziatori del Canadian Union of Public Employees e quelli del governo provinciale: un braccio di ferro durato mesi, arrivato numerose volte in preoccupanti fasi di stallo e che ha portato anche a due giorni di sciopero, con la chiusura delle scuole, prima del faticoso riavvio della trattativa.

Il sindacato canadese dei dipendenti pubblici, che rappresenta circa 55.000 lavoratori, ha annunciato la ratifica del contratto ieri mattina durante una conferenza stampa organizzata a Queen’s Park.

Secondo il comitato di contrattazione, circa il 73% dei membri ha votato a favore dell’accordo provvisorio. "Per la prima volta in un decennio, i lavoratori dell’istruzione hanno raggiunto un accordo collettivo che non imponeva termini attraverso la legislazione", ha detto il sindacato in una nota.

Il Cupe ha sottolineato come in questa consultazione vi sia stato "un coinvolgimento dei membri senza precedenti", con circa il 76% dei suoi lavoratori che hanno partecipato al voto di ratifica.

Secondo il nuovo accordo, tutti i lavoratori riceverebbero un aumento forfettario del salario orario di 1 dollaro, o circa il 3,59% all’anno.

Il governo ha detto che ciò comporterebbe un "significativo aumento salariale" per i membri meno pagati del sindacato.

Il comitato di contrattazione ha anche assicurato il rimborso per i due giorni in cui i lavoratori hanno partecipato a una protesta politica a causa del Bill 28, una legislazione che imponeva un contratto inferiore ai lavoratori e rendeva illegale per loro il diritto di sciopero.

Un accordo provvisorio è stato raggiunto solo quando i lavoratori dell’istruzione hanno accettato di porre fine al loro sciopero in tutta la provincia in cambio della revoca della legislazione da parte del governo.

Laura Walton, presidente del Consiglio dei sindacati dei consigli scolastici dell’Ontario di CUPE, ha dichiarato di essere orgogliosa dei suoi membri per aver mantenuto la loro posizione. "Abbiamo sfidato questo governo. Dopo un decennio nel quale abbiamo subito i suoi diktat, ci siamo rifiutati di fare marcia indietro anche quando sono stati violati i nostri diritti di contrattazione e sciopero".

"Abbiamo scosso questa provincia con le nostre proteste. Abbiamo mostrato agli abitanti dell’Ontario che si può resistere a un bullo per ciò che è giusto. E abbiamo finito con un accordo che ha più che raddoppiato l’aumento salariale che il governo ha cercato di imporci".
Walton, che in precedenza aveva espresso insoddisfazione per il fatto che il nuovo accordo non includeva nuovi fondi per servizi e personale, ha detto di essere stata una delle persone che hanno votato per accettare l’accordo.

"Una volta mi è stato detto nei miei primi anni che buoni negoziati significano che entrambe le parti se ne vanno deluse", ha detto ai giornalisti, aggiungendo che si aspettava che i risultati fossero "più stretti" di quanto non fossero.

"Penso che ciò abbia dimostrato che abbiamo fatto la scelta giusta come comitato di contrattazione per riportare l’accordo ai lavoratori".

Walton ha osservato che i membri del CUPE stanno tracciando la strada per altri sindacati attualmente sottoposti alla propria contrattazione pubblica, compresi quelli che rappresentano gli insegnanti in Ontario.

In alto, un’immagine della protesta (foto Cupe)

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.