Lo YRDSB vieta agli insegnanti
di indossare le mascherine N95

di Mariella Policheni del October 14, 2021

TORONTO - Quanto accaduto a tre insegnanti dello York Region District School Board sembra surreale. I docenti che hanno scelto di acquistare e indossare mascherine N95 in classe affermano di essere stati minacciati di sanzioni disciplinari perché è consentito solo l’uso di mascherine chirurgiche blu - quelle meno protettive, per intenderci - in dotazione al provveditorato.

Uno degli insegnanti, che ha un figlio piccolo e lavora in una scuola elementare con studenti che non hanno l’età per essere vaccinati, ha affermato di aver acquistato la propria scatola di mascherine FN95 ad agosto in modo da poterle indossare al posto di quelle distribuite dallo York Region District School Board.

Lui e altri due insegnanti hanno raccontato la loro sconcertante esperienza a CBC News in condizione di anonimato, poiché non sono autorizzati a parlare della questione e temono ritorsioni.

Per tutto il mese di settembre, ha detto l’insegnante, il preside e il provveditorato gli hanno detto che poteva indossare solo le mascherine chirurgiche fornite dalla scuola: inizialmente ha rifiutato, ma poi questo mese è stato informato che sarebbe stato immediatamente sospeso senza stipendio.

Con un mutuo e una famiglia da mantenere, l’insegnante ha detto che non aveva altra scelta che seguire con riluttanza le regole dello YRDSB.

Dal canto suo il consiglio scolastico ha affermato in una nota che il personale deve usare i dispositivi di protezione individuale (DPI) forniti per garantire che i requisiti di sicurezza siano soddisfatti e che solo i membri del personale specifici, che sono formati per eseguire procedure mediche mentre supportano gli studenti, sono dotati di maschere N95.

L’obbligo di far uso di mascherine meno sicure al posto di quelle che garantiscono una protezione maggiore e che oltretutto gli insegnanti hanno pagato di tasca propria, è qualcosa che va contro ogni logica, che di razionale non ha nulla. Il buon senso, poi, è lontano anni luce. A rimanere basito di fronte alla vicenda dei tre insegnanti è stato anche l’epidemiologo dell’Università di Toronto Colin Furness che ha bocciato le mascherine fornite dal provveditorato agli insegnanti: sono "di bassa qualità" e "inadeguate" e che “fare di queste la massima protezione che gli insegnanti possono indossare, piuttosto che la minima, è francamente incauto e negligente".

Dall’inizio della pandemia, la fornitura di mascherine N95 al Canada è aumentata costantemente: questi dispositivi sono diventati più ampiamente disponibili non solo per gli operatori sanitari, ma anche per il pubblico. Dalle ricerche risulta che queste sono superiori rispetto alle mascherine chirurgiche nel bloccare le goccioline infette di Covid-19. "Gli insegnanti sono sottoposti a un’enorme quantità di stress e, se vogliono aggiornare i propri DPI, dovrebbero essere in grado di farlo", ha affermato Furness.

Anche un’altra insegnante elementare immunocompromessa e un professore di una scuola superiore della regione di York, di fronte alla minaccia di azioni disciplinari, hanno dovuto accettare a malincuore le direttive del provveditorato.

Fino al momento di andare in stampa lo York Region District School Board non ha risposto alla richiesta di un commento da parte del Corriere Canadese.

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.