Covid-19, boom di contagi nelle scuole 

di Mariella Policheni del March 24, 2021

TORONTO - Boom di contagi. Mai così tanti casi di Covid-19 nelle scuole dell’Ontario come ieri: 409 casi dei quali 333 sono studenti, 75 insegnanti ed uno è un membro del personale non docente. Passano da 921 a 997 gli istituti scolastici dove al momento è attivo un focolaio del virus mentre le scuole chiuse da 44 salgono a 48.

Con le infezioni che lievitano e le assenze degli insegnanti, i provveditorati si trovano ogni giorno di più in difficoltà al punto che a sostituirli momentaneamente sono stati chiamati i presidi, i supplenti e persino gli addetti alla supervisione della mensa.

Sono due scogli, questi, che hanno spinto il sindacato Toronto Elementary Catholic Teachers (TECT) a chiedere con veemenza che alcune delle sue scuole negli hotspot vengano chiuse e gli studenti trasferiti all'apprendimento online.

“La situazione sta diventando insostenibile, non ci sono supplenti a sufficienza per coprire le assenze dei maestri - ha detto la presidente del sindacato, Julie Altomare-Di Nunzio - stanno prendendo il loro posto presidi, insegnanti di musica e persino personale preposto alla supervisione del lunchroom”.

In passato, spiega la Altomare-Di Nunzio, i presidi potevano unire le classi per far fronte al bisogno dei supplenti ma con il Covid non è possibile mescolare bambini di gruppi diversi.

Nel frattempo, nel provveditorato cattolico di Dufferin-Peel, tre membri del personale - tra cui due insegnanti, uno dei quali è ora in coma indotto, e un supervisore della mensa - sono stati ricoverati in ospedale a seguito di un'epidemia di Covid-19 presso la St. Sofia School di Mississauga. A riferirlo al Toronto Star è stata una fonte che ha chiesto di rimanere anonima. St. Sofia fa parte del provveditorato di Dufferin-Peel, che recentemente è stato costretto a chiudere 11 scuole a causa del Covid-19 e della carenza di personale.

L'epidemia nella scuola, al suo apice, ha infettato sette membri dello staff e 10 studenti ma a partire da lunedì, i casi sono scesi a quattro studenti e tre dipendenti. Anche la St. Charles Garnier Catholic School di North York è stata chiusa dalla Toronto Public Health a seguito di un'epidemia che ha infettato un totale di sei lavoratori e tre studenti.

Anche la deputata neo-democratica Marit Stiles ha attaccato l’operato del governo Ford in merito. La Stiles ha affermato che con 500 bambini che risultano positivi al virus ogni settimana, i lavoratori in prima linea nelle scuole non vedono nuovi aiuti e i test asintomatici non hanno raggiunto l'obiettivo di 50.000 test a settimana come promesso dal ministro Lecce. “Il tempo per le mezze misure è decisamente finito”, ha detto risoluta la Stiles.

E mentre la situazione secondo gli insegnanti è gravissima, il ministro dell’Istruzione Stephen Lecce continua a vedere il bicchiere mezzo pieno. Lecce ha affermato che oltre il 99% delle scuole rimane aperto e ha detto di aver parlato con gli ufficiali sanitari di Peel, Toronto e Ottawa, che “hanno confermato che i protocolli di prevenzione delle infezioni in atto hanno contribuito a tenere le scuole al sicuro”.

Shazia Vlahos del Toronto Catholic District School Board ha detto che l’unità di salute pubblica sta sollecitando test alla Our Lady of Victory e in altre strutture dove sono stati scoperti focolai del virus. “Come molti provveditorati della provincia, il Toronto Catholic District School Board continua a rafforzare il suo elenco di supplenti ma continua a fare fatica nell’affrontare le sfide associate all'aumento delle assenze degli insegnanti, alla maggiore frequenza di congedi per malattia a breve termine e alla riluttanza dei supplenti disponibili ad accettare di lavorare durante questa pandemia”, ha detto la Vlahos.

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.