Case di cura, finanziamenti interi
fino ad agosto 

di Mariella Policheni del April 21, 2021

TORONTO - Dopo che il governo dell’Ontario senza far troppo rumore ha prorogato l’“occupancy agreement”, le case di cura a lunga degenza dell’Ontario - indipendentemente dal numero di residenti che ospitano o da quanto gravemente siano state colpite dal Covid-19 - saranno finanziate per intero fino ad agosto.

L'accordo suggerisce anche che i dirigenti, gli investitori e gli azionisti dell'assistenza a lunga degenza “navigheranno” nella pandemia in gran parte senza incorrere nella devastazione economica che altre aziende della provincia hanno subito.

“Secondo me l'assistenza a lungo termine è uno di quei rari tipi di industrie in cui le perdite sono condivise e i profitti sono privatizzati”, ha detto il dottor Samir Sinha, direttore di Geriatria al Mount Sinai Hospital di Toronto.

In tempi normali, i margini di profitto nell'assistenza a lunga degenza in Ontario non sono enormi, ma sono costanti. Prima della pandemia c'erano migliaia di persone in più in attesa di un letto nelle strutture LTC della provincia di quanti fossero i posti letti disponibili. La pandemia ha però cambiato le carte in tavola.

Migliaia di residenti delle LTC sono morti durante le prime due ondate di Covid-19. Alcune case hanno perso decine di residenti, in una sola struttura di Barrie, il virus ha ucciso 70 anziani. Mentre ciò accadeva i nuovi trasferimenti nelle case di cura a lunga degenza sono rallentati, gli ospedali in gran parte hanno interrotto del tutto il trasferimento dei pazienti idonei, mentre gli anziani della comunità hanno generalmente deciso di stare alla larga dalle case di cura e la provincia ha sospeso gli ingressi nelle case più vecchie.

Alla fine del 2020, in Ontario quasi 14.000 letti per l'assistenza a lunga degenza erano vuoti. Per gli operatori, ciò avrebbe dovuto significare una grave crisi di liquidità. Ma invece la provincia ha accettato di pagarli come se fossero al completo, dapprima fino a settembre 2020 e poi fino alla fine di marzo 2021. Infine il 26 marzo, il Ministero provinciale della Salute e del Long Term Care ha informato tutte le case che gli obiettivi riguardo il numero di residenti ospitati sarebbero stati sospesi, ancora una volta, fino alla fine di agosto di quest’anno.

Secondo alcuni esperti del settore tutto questo ha avuto un senso in quanto i proprietari delle case dove sono scoppiati focolai del virus venivano sì ancora pagati, ma avevano anche bisogno di operare: anche con alcuni letti vuoti, hanno dovuto pagare il personale, acquistare cibo, mantenere rigorosi protocolli contro il Covid ed essere pronti, in futuro, ad accogliere nuovi residenti.

Donna Duncan, ceo della Ontario Long-Term Care Association, rifiuta l'idea che l'accordo di finanziamento provinciale abbia qualcosa a che fare con il profitto: “Serve a mantenere stabili gli operatori delle case e i letti disponibili”, ha detto. L'accordo però protegge il margine di profitto delle società a scopo di lucro e assicura che i dirigenti incaricati di garantire quei profitti possano continuare ad essere pagati.

Come riportato per la prima volta da David Milstead del Globe and Mail, Chartwell, che gestisce 23 case di cura a lunga degenza in Ontario, ha pagato di più in bonus per dirigenti nel 2020, anno in cui la pandemia CovidD-19 è arrivata in Ontario, rispetto all'anno precedente.

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.