Campagna elettorale
col rischio Omicron
e incertezza futura

di Francesco Veronesi del December 9, 2021

TORONTO - Mancano cinque mesi al voto provinciale, ma in Ontario la campagna elettorale è già iniziata e prosegue senza sosta. Il governo guidato dal premier Doug Ford negli ultimi giorni ha lasciato spazio al Comitato tecnico scientifico e al Chief Medical Officer Kieran Moore e ha avviato una campagna di annunci a catena che hanno tanto il sapore di promesse elettorali.

Nuovi ospedali - a partire dall'espansione del comprensorio medico di Mississauga, che diverrà il più grande del Canada - nuove casi di cura a lunga degenza, nuove autostrade - tra cui la controversa Highway 413 - nuovi progetti di investimenti pubblici: l'esecutivo sta promettendo una valanga di fondi per iniziative che verranno portate a compimento solamente nel caso in cui l'elettorato dell'Ontario dovesse ancora una volta affidare le chiavi della provincia al leader conservatore.

I sondaggi, per ora, delineano uno scenario politico abbastanza definito e rapporti di forza che si sono cristallizzati con chiarezza. Il Progressive Conservative di Ford sarà il partito da battere alle elezioni di giugno, con l'Ndp di Andrea Horwath e il Partito Liberale di Steven Del Duca costretti a inseguire per riguadagnare il terreno perduto. L'ultima indagine demoscopica realizzata dalla EKOS vede i conservatori saldamente al comando nelle intenzioni di voto a quota 32,8 per cento, seguiti dai liberali al 28,3 e dai neodemocratici al 23,1.

Con questi numeri, però, molto difficilmente il premier sarà in grado di garantirsi una maggioranza assoluta a Queen's Park e questo spiega il motivo dell'avvio di una campagna elettorale non ufficiale così presto.

Ma è evidente un altro elemento di grande importanza, se si vuole inquadrare meglio la situazione: il voto del 2 giugno 2022 sarà un referendum popolare sulla gestione della pandemia da parte del governo attualmente in carica. Questa dinamica l'abbiamo già vissuta a livello federale nelle elezioni dello scorso settembre, anche se la grande differenza sta nella tempistica del voto.

A livello nazionale il ritorno alle urne è stato deciso dal primo ministro Justin Trudeau, che ha rimesso l'incarico nelle mani della governatrice generale e ha indetto il voto. La campagna elettorale è durata meno di due mesi: in Ontario invece la campagna sarà lunghissima, con tutte le incertezze legate alla pandemia di Covid-19.

Variante Omicron, efficacia dei vaccini, vaccinazione dei bambini, contagi nelle scuole, tenuta del sistema sanitario di fronte al rischio di affollamento delle terapie intensive: queste sono solo le principali zone d'ombra in questa quarta ondata della pandemia ed è evidente come l'incertezza generalizzata avrà un peso significativo durante la campagna elettorale. Rispetto al voto federale, manca - almeno per ora - una frangia politica chiaramente no vax, un ruolo questo, recitato a livello nazionale dal People's Party di Maxime Bernier.

La galassia no vax, tra anti lockdown e vaccino scettici, rappresenta un bacino di voti non indifferente che nessun partito, fino a questo momento, ha voluto accattivarsi.

Anzi, solamente il governo in carica, in seguito ad alcune decisioni controverse e a presunti ritardi nell'attivare limitazioni e restrizioni anti Covid, è stato accusato di troppa prudenza proprio per un determinato calcolo politico, quello ciò di accaparrarsi i favori di quella fetta della popolazione ancora scettica.

Vedremo nei prossimi mesi se la classe politica provinciale manterrà un atteggiamento coerente, almeno su questo punto.

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.