Quando gli scoiattoli neri
diventano bianchi...
c'è da aver paura?

di corriere canadese del June 10, 2021

TORONTO - Un animale, che sarebbe dovuto morire durante l’inverno perché le probabilità di sopravvivenza erano poche, è stato trovato ancora vivo. A dispetto di una furiosa pandemia di COVID-19, un inverno inesorabile, carenza di cibo e predatori, mi viene in mente la canzone di Elton John "I’m Still Standing". Questa è una storia di benessere; potremmo usarne di più in questi giorni.

In un parco di Toronto che dovrebbe rimanere senza nome, per evitare il brulichio di spettatori di Instagram, uno scoiattolo nero è diventato bianco.

Una novità carina o qualcosa è andato storto? Perché questo sia un vero Albino, avrebbe bisogno di pelo completamente bianco e occhi rossi a causa dell’assenza di pigmento melanico. Questo tratto genetico ereditato varia da 1 su 20.000 a 1 su 1.000.000 nella natura selvaggia. Poiché questo scoiattolo ha ancora il pelo nero e gli occhi neri, rientra nella categoria del "Leucismo" ed è qui che le cose si fanno interessanti.

C’è una componente genetica che coinvolge il cattivo sviluppo delle cellule derivate dalla cresta neurale che potrebbe portare a danni ai nervi e agli organi. Parti del cromosoma (alleli) possono avere sostituzioni di singoli nucleotidi o delezioni più grandi. È come avere lettere mancanti in una parola o frasi chiave mancanti in un paragrafo.

Il leucismo è anche il risultato di un ambiente marcio: una casa schifosa e una dieta avariata.

Quella che era iniziata come la storia di trionfo di uno scoiattolo sta ora diventando una storia di preoccupazione per l’umanità. Se gli scoiattoli si ammalano a causa di uno squilibrio nel loro habitat, è solo questione di tempo prima che anche gli umani inizino a soffrire di questo squilibrio. Viviamo e respiriamo la stessa aria; camminiamo lungo la stessa erba e cemento. Condividiamo lo stesso spazio.
Il Globe & Mail ha appena riportato che le infestazioni di scoiattoli sono aumentate del 30% in virtù del fatto che ci sono meno auto sulla strada che investono scoiattoli e che più persone che lavorano da casa li incontrano all’interno del loro domicilio.

Ecco qualcosa per tenerti sveglio la notte: nel luglio 2020, la CNN ha riferito che uno scoiattolo in Colorado è risultato positivo alla peste bubbonica, la stessa malattia che ha spazzato via 50 milioni di persone a metà del XIV secolo. Il batterio Yersinia Pestis è diffuso dalle pulci.

Lo scoiattolo leucitico che ho visto l’altro giorno si stava grattando dappertutto. Si stava persino mordendo la coda. La sua pelle infiammata brillava attraverso la sua pelliccia bianca. E la gente del posto continua a visitarlo ogni giorno. Gli offrono noci dal palmo della loro mano.

Ricky Castellvi

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.