Vaccini Covid-19 obbligatori,
speculazioni e teoria

di corriere canadese del October 26, 2021

TORONTO - Sono sicura che la maggior parte di voi ormai avrà probabilmente sentito parlare a sufficienza di Covid-19 e in questo momento non vede l’ora che questi ultimi due anni diventino solo parte della nostra storia. Ma forse dovremmo riflettere su ciò che è accaduto negli ultimi 18-20 mesi con una prospettiva leggermente diversa.

Questa settimana il governo dell’Ontario ha revocato le restrizioni sulla capienza di bar e ristoranti ecc. e per la maggior parte di noi ciò potrebbe segnalare che siamo quasi tornati alla normalità. Questa linea di pensiero si sarebbe applicata anche a me se non fosse stato per il fatto che circa 7 giorni fa ho contratto ciò che la maggior parte delle persone avrebbe definito nei cosiddetti giorni "Pre Covid 19" come una normale influenza vecchio stile.

Ho sentito da molte persone attraverso lo spazio dei social media che stiamo ingigantendo troppo questa storia del Covid 19 e che è solo il governo che lo usa per tenerci sotto controllo e che è l’industria farmaceutica globale lo usa come una opportunità di guadagno. Sarei certamente d’accordo sul fatto che in parte ciò potrebbe essere vero e suggerirei anche che certamente ogni governo su questo pianeta avrebbe potuto gestirlo in modo diverso se l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) fosse stata meglio preparata per una pandemia globale. D’altra parte, dobbiamo ancora analizzare cosa è successo se non altro per essere semplicemente meglio preparati in futuro.

Pertanto, permettetemi di dedicare del tempo non solo a coloro che sospettano che si tratti di una cospirazione motivata da profitti, ma anche a tutti coloro che sono favorevoli ai vaccini. Pertanto, permettetemi di provare a spostare leggermente il nostro pensiero su questo recente ceppo di Coronavirus che chiamiamo Covid 19 descrivendovi la differenza esclusivamente in base alla mia esperienza personale e alle mie deduzioni.

Nel gennaio del 2020 ho contratto un’influenza a Winnipeg mentre visitavo un parente ricoverato o durante un volo. Il 2 gennaio 2020, dopo essere tornata a Toronto, mi sono ammalata gravemente di quella che pensavo fosse la solita influenza annuale. Ma questa influenza era diversa da qualsiasi altra influenza che avevo avuto in passato. Fino ad oggi non ho dimenticato l’esperienza. Invece di iniziare a diminuire, la virulenza dopo una settimana stava progredendo e alla seconda settimana nel momento in cui sentivo che non riuscivo a respirare mi sono recata in un pronto soccorso. Per farla breve e fortunatamente per me “non mi ha ucciso” ma il virus non ha lasciato il mio corpo per almeno 4 settimane e ho avuto sintomi continui, per almeno 2 mesi.

A questo punto della mia storia potresti volermi dire “quindi dì qualcosa che non ho ancora sentito”. Ma volevo condividere questo riscontro personale poiché non sono solo una scienziata ma anche un operatore sanitario. Proprio di recente, ho di nuovo contratto l’influenza. Sono doppiamente vaccinato e so per certo che non è Covid 19. Sebbene questo ceppo di influenza sia ancora piuttosto debilitante in quanto a virulenza è molto diverso.

Anche se non sono a favore di cure obbligatorie per nessuna malattia, credo che se hai più di 50 anni e hai una condizione medica che già influisce la tua capacità di trasportare ossigeno, allora il vaccino può essere preventivo in quelle persone ad alto rischio di un esito mortale. Nota che "non ho detto ad alto rischio di contrarre il virus ma ad alto rischio di un esito mortale".

In qualità di scienziata che ama teorizzare lasciatemi solo ipotizzare che la vaccinazione obbligatoria per tutte le fasce d’età possa ’migliorare’ i ceppi virali che potrebbero evolversi in futuro. Continueremo questa speculazione e teoria nel mio prossimo articolo.

Carmella Angus

(Carmella Angus è una ricercatrice in farmaci e scienziata italocanadese, imprenditrice del settore. Questo è il primo dei suoi pezzi)

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.