“Datori di lavoro ancora penalizzati”

di corriere canadese del April 30, 2021

Tutti noi aspettavamo con tanta ansia il recente bilancio federale del 19 aprile scorso, sperando che avrebbe placato a livello nazionale il tanto desiderato pagamento per giornate perse dovuto a malattie causate dal Covid-19. Invece il governo federale ha scelto di non accettare il suggerimento dei suoi Premiers, nonostante che la maggioranza siano Liberali.

Qualcuno ritiene che il settore della salute è una responsabilità provinciale. Se questo è totalmente vero, perché Ottawa paga le persone malate e le donne in stato interessante per 15 settimane? Dopotutto questo programma sarebbe stato temporaneo.

Trudeau ha sempre sostenuto e continua a suggerire che Covid 19 sarà sconfitto entro questo settembre, quando tutto ritornerà normale. Invece Ottawa ha scelto di creare altri 13 enti governativi (10 Province e 3 Territori), con i quali i datori di lavoro devono comunicare, se vogliono riscuotere i soldi che hanno pagato ai loro impiegati effetti dal Covid-19.

Se il programma fosse stato implementato a livello nazionale, quando i datori di lavori rimettono mensilmente le tasse ed i contributi del CPP e EI ad Ottawa, sarebbe bastato dedurre la somma pagata alle persone affette, dal totale dei contributi da versare per quel mese, e tutto sarebbe stato risolto.

Essendo un piccolo datore di lavoro da oltre 50 anni, la settimana scorsa ho ricevuto una telefonata da una delle mie impiegate, che era appena diventata positiva al Covid-19, dovuto ad un focolaio in famiglia. Per proteggere la salute del resto del personale, le ho subito assicurato la continuità del suo stipendio, purché restasse a casa per non meno di un mese.

Mentre ringrazio il Premier Ford per introdurre nella legislature il ”3 Days Covid-19 Sick Leave Act” per assistere finanziariamente le piccole imprese della nostra provincia, la mia attività purtroppo non si classificherà, perché è riconosciuta come parte della “SERVICE INDUSTRY” e pertanto non è soggetta al WIPS.

Io continuerò a pagare la mia dipendente, altrimenti mi costerà più tempo e denaro per cercare di ricevere il credito dall’ente provinciale.

Distinti saluti e con tanta stima, Luigi Nunno

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.