Bandiera Pride nelle scuole,
sarà battaglia al TCDSB

di corriere canadese del May 6, 2021

TORONTO - Una rete aggrovigliata di violazione degli obblighi fiduciari, incompetenza amministrativa, etica discutibile e palesi violazioni ingiustificabili dei doveri aziendali da parte dei "dissidenti" nei consigli scolastici cattolici. Alcuni cattolici dicono "quando è troppo è troppo!"

A Toronto, il TCDSB – piuttosto, alcuni amministratori attivisti radicali che hanno la loro versione del cattolicesimo – sta considerando una mozione per dichiarare giugno come mese del Pride e per far sventolare la bandiera dell’orgoglio in tutte le loro scuole e nel Catholic Education Centre.

La mozione dice: "Secondo il Comitato Consultivo 2SLGBTQ+, le raccomandazioni sono le seguenti: ’ Il mese dell’orgoglio sarà proclamato ogni giugno a partire dal 2021; la bandiera del Pride sarà issata presso il Catholic Education Centre dal 1° giugno al 30 giugno; e, ogni scuola del TCDSB alzerà la bandiera del Pride dal 1° giugno al 30 giugno. "

Il mese scorso è stato istituito un comitato per valutare l’equità e l’inclusività in seno al Consiglio. Tra i componenti c’erano due membri dello sta. di livello sovrintendente, fiduciari studenteschi, "alleati" del movimento LGBTQ e almeno un attivista radicale che si è agitato contro la religione cattolica e la dottrina cattolica nelle scuole dell’Ontario. Nessuno sembra aver controllato le proprie credenziali di elettori cattolici o di individui impegnati negli insegnamenti del magistero.

Come era scontato, la commissione ha presentato la mozione di cui sopra – dopo solo due riunioni. Genitori ed elettori cattolici hanno risposto con indignazione rabbioso: "Come osano sollevare la questione? I nostri figli sono stati chiusi fuori dalle scuole. Il personale non è stato in grado di tenerle pulite e al sicuro dalle infezioni. Gli amministratori hanno chiuso un occhio sulle esigenze di apprendimento dei nostri figli per un anno e mezzo, e questo è ciò che li preoccupa? Chi ha detto loro che potevano ignorare i nostri principi cattolici”, ha detto una M-A Lima infuriata, madre di uno studente nelle superiori del sistema.

L’ufficio del Cardinale, inondato dai cattolici offesi dalla raccomandazione del Comitato, ha risposto con una lettera che delineava l’ortodossia cattolica sul tema della sessualità e della dignità umana (ecco la lettera integrale: Reflection from Archdiocese of Toronto - Inclusivity & Acceptance)

"I genitori fanno una scelta chiara quando decidono che i loro figli frequenteranno una scuola cattolica. Giustamente si aspettano che fiduciari, presidi, insegnanti – tutti partner nel settore dell’istruzione – garantiscano che l’insegnamento cattolico sia presentato, vissuto e infuso in tutto ciò che facciamo. A questo proposito, il simbolo appropriato che rappresenta la nostra fede, e l’inclusione e l’accettazione degli altri, è la croce, che è visibile all’ingresso di ogni scuola cattolica".

Il cardinale ha anche offerto un parere sulle bandiere: "Ci sono un numero qualsiasi di gruppi che lavorano per sostenere molte cause diverse. Per questo motivo, molti consigli scolastici sventolano saggiamente solo la bandiera canadese per un senso di equità per tutti", come simboli di inclusività; e hanno sottolineato l’importanza della croce come simbolo distintivo del cattolicesimo. " La croce fuori dalle scuole cattoliche... segnala il nostro impegno perché tutti coloro che siano accolti e amati nella loro bellezza e unicità come figli di Dio... con l’esempio, mentre promuoviamo una cultura della cura e dell’amore per ogni individuo. Questa verità è perfettamente rappresentata nel nostro simbolo cattolico più fondamentale: la croce".

È prevista una sua comunicazione al Consiglio sulla questione del Sacro Cuore di Gesù, al quale è dedicato il mese di giugno nella Chiesa cattolica.

Gli "Alleati" hanno chiesto ai sindacati degli insegnanti e agli attivisti di presentare delegazioni come contromossa. Per fare pressione, si sono assicurati che anche la delegazione dell’ex premier, Kathleen Wynne (nella foto sotto), e della consigliera di Toronto Kristyn Wong-Tam, entrambe dichiarate attiviste lesbiche, consegnasse osservazioni.

Da tutte le indicazioni, le loro posizioni parlano delle applicazioni del Codice dei diritti umani per sostituire il cattolicesimo e i suoi valori. Geoffrey Cauchi, noto avvocato di diritto dell’istruzione e costituzionalista, ha inviato una presentazione esaustiva, accuratamente documentata, in due parti (48 pagine in totale) presentando un caso convincente, se non persuasivo, sulla Costituzione, la Carta dei diritti e la legge sull’istruzione.

Sembra che sia d’accordo sul fatto che i consigli scolastici distrettuali cattolici non abbiano l’autorità legale per sollecitare le opinioni degli elettori non cattolici. I sindacati degli insegnanti - sostiene - non si adattano alla definizione di elettore cattolico.

Inoltre, cercare le opinioni di persone che sono auto-dichiarate non cattoliche, ostile nelle loro opinioni pubbliche ai valori cattolici è una grave violazione dell’etica aziendale da parte del personale e dei fiduciari, come delineato nel suo breve.

Cauchi (nella foto sotto), la cui presentazione studiata contrasta nettamente con le affermazioni di parzialità non documentate da parte dei sostenitori della raccomandazione del Comitato nella sua profondità, ampiezza e riferimenti alle decisioni della Corte che confermano la sua posizione, sostiene che anche i singoli elettori cattolici potranno fare ricorso a rimedi legali per queste illegalità e violazioni della fiducia.

Tali mezzi di ricorso comprendono l’applicazione alla Corte di dichiarare vacanti i seggi di tali fiduciari e di rimuovere i trustees dall’incarico.

A quanto pare, il personale amministrativo potrebbe subire lo stesso destino.

Martedì il ministro Lecce ha fatto due curiosi annunci. In primo luogo, gli insegnanti dovrebbero prepararsi alle decisioni degli studenti di passare a un’esperienza educativa completamente remota, che il suo ministero consentirebbe.

In secondo luogo, l’anno prossimo il ministero spenderebbe altri 2 miliardi di dollari per migliorare l’edilizia didattica (scuole).

L’insistenza del Ministro Lecce sul fatto che il Codice dei diritti umani abbia la precedenza nelle scuole cattoliche ha scatenato il dibattito quasi due anni fa.

La presentazione di Cauchi osserva che né il codice dei diritti umani né il ministro possono vanificare i diritti costituzionali e confessionali dei cattolici. Il TCDSB avrebbe dovuto gentilmente dire al ministro che non ha l’abitudine di disobbedire alla legge.

Su un’altra questione, forse correlata, ieri è stata presentata una relazione che indicava le indagini del RCMP sulle legalità del coinvolgimento politico da parte dei sostenitori del ministro Lecce.

Ecco l’intera lettera dell’avvocato Geoffrey Cauchi: Geoffrey F. Cauchi's submission

ENGLISH VERSION: Trustees in breach of fiduciary obligations, law

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.