In Italia 331 vittime
e 15.746 nuovi contagiati 

di Giorgio Mitolo del April 12, 2021

ROMA - Sono stati 15.746 i nuovi contagi da coronavirus registrati ieri, in Italia, insieme ad altri 331 morti decessi che portano il totale delle vittime a 114.254 dall'inizio della pandemia di Covid-19.

Nelle trascorse 24 ore sono stati eseguiti - su tutto il territorio nazionale - 253.100 tamponi, con l'indice di positività che si è assestato al 6,2%.

I pazienti ricoverati in terapia intensiva erano ieri un totale di 3.585.

Nel frattempo, sul fronte vaccini, quello prodotto dall'americana Johnson & Johnson sta per arrivare in Italia, con le prime dosi previste in settimana. L'attesa per il farmaco - unico vaccino monodose - è altissima soprattutto dopo il caso AstraZeneca, raccomandato per gli over 60 dopo i rari casi di trombosi riscontrati in seguito alla vaccinazione.

Il vaccino della Janssen è il quarto a essere raccomandato nell'Ue per prevenire il Covid-19 dopo i farmaci Pfizer, Moderna e AstraZeneca. L'efficacia del prodotto - spiega l'Agenzia europea per la valutazione dei medicinali (Ema) - è stata dimostrata in uno studio clinico che ha coinvolto oltre 44mila persone dai 18 anni in sui negli Stati Uniti, in Sudafrica e nei Paesi dell'America Latina. A metà dei partecipanti è stata somministrata una singola dose di vaccino e all'altra metà un placebo.

Lo studio ha rilevato una riduzione del 67% del numero di casi Covid sintomatici dopo 2 settimane nelle persone che hanno ricevuto il vaccino Janssen (116 casi su 19.630 persone), rispetto alle persone a cui è stato somministrato placebo (348 persone su 19.691). Questo significa che il vaccino ha avuto un'efficacia del 67%, spiega l'Ema.

Gli effetti collaterali nello studio erano generalmente lievi o moderati e sono stati risolti entro un paio di giorni dalla vaccinazione. I più comuni: dolore al sito di iniezione, mal di testa, stanchezza, dolori muscolari e nausea, elenca l'Agenzia europea del farmaco.

"La sicurezza e l'efficacia del vaccino - precisa - continueranno a essere monitorati, attraverso il sistema di farmacovigilanza dell'Ue e ulteriori studi da parte dell'azienda e delle autorità europee".

Il vaccino Janssen J&J è costituito da un adenovirus modificato per contenere il gene per la produzione della proteina Spike di Sars-CoV-2, che stimola il sistema immunitario a produrre anticorpi e attivare le cellule T (globuli bianchi) per bersagliarla. L'adenovirus contenuto nel vaccino non può riprodursi e non causa malattie.

Rari casi di trombosi successivi alla vaccinazione sono stati però segnalati anche per il vaccino Johnson & Johnson. "4 casi gravi di coaguli di sangue insoliti associati a livelli di piastrine basse", le rare forme di trombosi che sono state osservate anche dopo la vaccinazione con AstraZeneca.

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.