Tempo di decisioni
elettorali: fuori i cattivi

di Joe Volpe del 21 October 2022

TORONTO - Nella nostra mente, le esercitazioni democratiche – le elezioni – sono una grande opportunità per liberare il sistema da ciò che è nocivo e per rinvigorirlo. C'è ancora molto spazio per le differenze e le ambizioni individuali; niente di sbagliato in questo. Alcuni consigli comunali e scolastici funzionano bene. Altri, non tanto.

Di tanto in tanto, emergono alcuni individui e "raggruppamenti" che sono tossici per lo scopo stesso dell'organizzazione nella quale ottengono l'elezione. Sono l'antitesi degli obiettivi di quel sistema e delle persone che esso rappresenta. Eppure non tutti sono pronti ad accettare la sfida, soprattutto nei consigli scolastici.

Le scuole cattoliche hanno un ruolo speciale nella società canadese e nel contratto politico che è la nostra Costituzione. La loro struttura di governo – cioè i Provveditorati - sta assistendo alla presenza perniciosa di individui che sembrano motivati ​​a perseguire un'agenda anticattolica piuttosto che un'agenda che nutra i bisogni dei genitori e dei bambini sotto la loro cura.

Abbiamo seguito e commentato in particolare tre di questi Provveditorati. A nostro avviso, hanno un enorme bisogno di un serio intervento da parte delle famiglie le cui esigenze giustificano la loro esistenza.

Distretto cattolico di Halton (Burlington, Milton, Oakville)

Ogni elettore cattolico ragionevole dovrebbe stare lontano da qualsiasi candidato approvato da Halton Parents for Change. Questo è un gruppo anti-cattolico, rabbioso e attivista che cerca di promuovere un'agenda woke dall'interno. I suoi membri hanno fatto i prepotenti per censurare i libri nelle biblioteche del Provveditorato; hanno ignorato i requisiti di base delle qualifiche per gli insegnanti nel loro sistema; hanno presentato osservazioni infondate alla Commissione per i Diritti Umani contro [alcuni] fiduciari solo perché hanno svolto il loro lavoro e, inoltre, hanno suscitato incessanti dibattiti del Consiglio sull'esibizione di bandiere diverse da quella canadese.

Gli attuali fiduciari Brenda Agnew, O'Hearn Czarnota e Marvin Duarte sono una parte seria del problema.

Noi sosteniamo Vincent Iantomasi e Helen Karabela. Sono rimasti fedeli ai loro obblighi e meritano di essere rieletti. Gli altri no.

Distretto cattolico di York

Questo Provveditorato soffre di una ferita autoinflitta da quando si è rifiutato di affrontare gli stereotipi etnici negativi che la fiduciaria Theresa Mc Nicol ha imposto ai suoi colleghi di origine italiana. Quando il Presidente e altri l'hanno sostenuta, cinque amministratori di origine italiana hanno iniziato a boicottare le riunioni del Provveditorato, privando il Consiglio del quorum necessario per legittimare l'attività. Quattro dei cinque hanno deciso di non chiedere la rielezione. Questo è a danno del Provveditorato e del pubblico.

Il fiduciario Mary Iafrate resta. Si spera che sarà raggiunta dalla candidata Angela Saggese di Kleinburg e da Peter Fracassi a Newmarket dove sta cercando di spodestare McNicol.

Distretto cattolico di Toronto

Questo Provveditorato è sinonimo di disfunzionalità. La causa principale è il fiduciario Maria Rizzo. Nonostante non si qualificasse come elettore cattolico, è fiduciaria dal 2018. Le scuole del suo distretto sono tra le più povere, in termini di risultati accademici, della provincia.

La Rizzo ha provocato la chiusura della Dante Academy, liceo pregiato della comunità italiana; la Madonna High School (tutte ragazze) non è più autorizzata a manifestare riferimenti ai risultati delle ragazze; il bullismo della Rizzo ha causato costosi problemi legali ad alcuni dei suoi colleghi e al Provveditorato. Suggerire che sia tossica sarebbe un eufemismo. È subdola e manipolatrice oltre ogni descrizione.

La sua truppa include un altro che odia i cattolici, Markus De Domenico, un bullo misogino nei confronti delle madri che chiamano il suo ufficio per ricevere assistenza. Viene sfidato nelle elezioni da una donna che si presenta informata, premurosa, sincera e impegnata negli aspetti dell'educazione dei bambini. Lei, Gabriella Mazarakis, sarebbe una rinfrescante aggiunta professionale al Provveditorato.

Qualcun altro che dovrebbe essere sostituito è Ida Li Preti. Ida è il burattino di Rizzo. Dice che il Provveditorato è pieno di "omofobia sistemica". Non sappiamo se lei ci creda davvero o se questo sia ciò che pensano due membri della Women's Commission dell'ex Premier Kathleen Wynne. Una ha presieduto la sua campagna di raccolta fondi, l'altra ha gestito le sue comunicazioni e i social media quando ha cercato l'elezione per i liberali provinciali. Almeno uno di loro era/è parte di una causa contro il TCDSB su questioni di identità di genere. Non possiamo sapere se Li Preti riconosce il conflitto di interessi.

È un bene che un certo Gregory Rodriguez stia tentando di cacciarla; votate per lui.

I tentacoli politici e il dispetto della Rizzo raggiungono anche l'Etobicoke South, dove ha incoraggiato due ex colleghi a contestare l'attuale fiduciaria, Theresa Lubinski. Il Corriere sostiene Lubinski. Lei non ce l'ha chiesto.

Qualcuno che non possiamo sostenere è Angela Kennedy. Se il Consiglio è nel bel mezzo di questioni legali oggi è in parte dovuto al suo approccio "insicuro" ai suoi doveri di fiduciario. Ha difficoltà anche a decidere dove vuole andare politicamente. Questo è il suo problema; non è necessario che sia del Consiglio.

Abbiamo una visione diversa riguardo a Michael Del Grande. Da tre anni è il bersaglio dei radicali di Rizzo. Il costo per lui personalmente e per la reputazione e le finanze del Provveditorato sarà incalcolabile. Ma ha tenuto duro. Merita il voto dell'elettorato.

Il Corriere Canadese si è adoperato per raggiungere tutti i candidati. Alcuni sono più reattivi di altri. Sosteniamo la rielezione di Nancy Crawford, Frank D'Amico, Daniel Di Giorgio e l'elezione di Gianfranco Cristiano.

(Foto in alto da: http://cmsd.bc.ca)

PER LEGGERE I COMMENTI PRECEDENTI: https://www.corriere.ca/il-commento/

 

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.