Quanto è facile
distruggere la democrazia

di corriere canadese del January 21, 2022

TORONTO - C'è forse conforto nel comprendere che i periodi di sconvolgimento politico e disgregazione sono ciclici, o dovremmo prendere lezioni dal passato come linee guida per il nostro futuro?

In un certo senso oggi sembra più il 1891 che il 2021 mentre consideriamo ciò che sta accadendo nel nostro mondo. Come in quell'epoca, stiamo attraversando un periodo di tremendi disordini e polarizzazione politica, cosa che vorrei non caratterizzare come Liberale contro Conservatore o NDP o addirittura sinistra contro destra.

C'è invece un'altra influenza che sconvolge l'equilibrio pendolare dell'attività politica nel nostro mondo. Gli autori sono descritti da alcuni come "woke" e cercano di dominare la narrazione creando divisione e confusione, giocando su vecchie lamentele e vaghi sentimenti di colpa, amplificando gli "errori" e dipingendo il mondo in nero e bianco.

Questa è un'influenza dirompente che attraversa tutte le linee politiche. Ai margini esterni di entrambi i lati dello spettro politico vediamo giusti proclami e caratterizzazioni esagerate degli eventi. Lo scopo di questi disgregatori è dividere e trarre vantaggio dal caos e dalla confusione che ne derivano per apportare cambiamenti per qualsiasi scopo sia buono per loro.

Dalle loro oltraggiose affermazioni di "fosse comuni" alle altrettanto oltraggiose affermazioni di "frodi elettorali", il loro scopo è creare dubbi nelle menti del pubblico, creare paura, instabilità e confusione. Questo movimento mette i membri della popolazione l'uno contro l'altro. Impone le consuetudini stabilite nella sua testa e si sforza di convincere gli altri che hanno sempre sbagliato nei loro atteggiamenti, percezioni e condotta.

Credete davvero che il Canada sia una nazione di genocidi, razzisti e misogini? È qualcosa di nuovo? Io penso di no.

Alla fine del 19° secolo, forse a partire dal dopoguerra civile negli Stati Uniti, si sono manifestati diversi movimenti significativi. I recenti immigrati negli Stati Uniti e in Canada hanno accumulato ricchezze, in particolare quando la rivoluzione industriale ha raggiunto il suo apice. La ricchezza si è consolidata quando il Big Business ha iniziato a stabilizzarsi. Come oggi, c'era grande disparità tra i molto, molto ricchi e il resto della popolazione.

La generazione emergente del benessere è cresciuta con i soldi e non ha mai affrontato avversità. Le loro percezioni di ciò che ci voleva per avere successo sono state distorte da nozioni irrealistiche di come viene generata la ricchezza.

Erano facili bersagli per quelli che alcuni oggi chiamano "guerrieri della giustizia sociale", l'elemento della società che erano sempre i soliti vecchi disgregatori, i precursori di quelli operativi oggi.

Allora, che aspetto ha un disgregatore? Un ritratto sta lentamente emergendo. Sono spesso persone con un enorme senso di diritto, che hanno una sindrome di "Dio". Credono onestamente di sapere più del resto della popolazione e di avere il diritto di dettare legge. Non è una novità nella storia dell'umanità. Ci sono sempre alcuni che rivendicano il fondamento “morale” e lavorano duramente per imporre la loro volontà agli altri.

Vari movimenti religiosi hanno occupato questo spazio nel tempo. I dittatori sono motivati ​​dal potere, ma i disgregatori sono motivati ​​dalla rettitudine.

Entrambi sono pericolosi per lo stile di vita democratico di cui abbiamo goduto per così tanto tempo. Chiudere il dibattito è il primo segno che queste influenze stanno prendendo il sopravvento.

Dichiarando che esiste un solo “modo giusto” di pensare, rifiutando di ascoltare le contro argomentazioni, demonizzando le scuole opposte di pensiero... tutti questi sono segnali di pericolo.

Oggi, i disgregatori sono aiutati dalla paura della pandemia che ha costretto le persone di tutto il mondo a nascondersi dentro i loro armadi. (Anche scrivere questo mi mette in pericolo di essere chiamata con qualche nome terribile e di avere motivazioni viziose attribuite a me.) La paura è un grande alleato del distruttore.

Lo storico americano Richard Jensen ha scritto nel suo libro del 1971, The Winning of the Midwest: Social and Political Conflict, 1888-1896: “La partigianeria era profondo nel Midwest. La guerra civile era un ricordo vivente; più di qualunque altra cosa, unì la lealtà dei repubblicani al "grande vecchio partito" che aveva salvato l'Unione e abolito la schiavitù, così come unì la lealtà dei democratici al partito dei poveri che aveva difeso le libertà costituzionali in un'epoca di dispotismo e corruzione. Gli uomini parlavano di implicazioni politiche e nello stesso momento di lealtà alle religioni”. Prosegue sottolineando come i media siano diventati “organi di partito semi-ufficiali”. “Le notizie erano di parte quasi quanto gli editoriali.

Le debolezze dell'opposizione si sono trasformate in difetti fatali, i loro errori si sono ingigantiti in crimini efferati contro le libertà americane e le loro politiche si sono trasformate in malvagi disegni di giunte cospirative.

Le cose erano in subbuglio anche in Europa e in Gran Bretagna, dove Darwin e altri nel XIX secolo "contribuirono a una visione del mondo, dando origine a rappresentazioni della società nei termini fortemente biologici di 'eugenetica sociale' e altre variazioni del pensiero 'razziale', come l'idea della "degenerazione" della classe operaia". La norma veniva contestata; la struttura sociale era in fase di riorganizzazione quando lo stato sociale iniziò a prendere piede.

Le nozioni di un "nuovo ordine mondiale" furono promosse da persone come Marx ed Engels che insieme formularono quello che divenne noto come marxismo. Pensate ad alcuni degli eventi che sono seguiti a questo periodo di sconvolgimento: l'assassinio della famiglia reale russa e il conseguente governo dittatoriale dei comunisti che hanno lasciato una scia di morte e distruzione che si sente ancora; il malcontento che rese possibile la prima guerra mondiale e aprì la strada alla conquista della Germania da parte del nazismo, seguita dall'assassinio di milioni di ebrei; l'incoraggiamento del Giappone e lo sconvolgimento in Asia che distrusse il sistema della dinastia cinese e lo sostituì con una dittatura dello Stato ancora meno benevola.

Durante questo periodo, innumerevoli milioni di persone hanno perso la vita. Democrazia e libertà si sono ridotte. La miseria ha prevalso in gran parte del mondo. Ora, non sto suggerendo che siamo sull'orlo di un momento così orribile. Tuttavia, temo che senza un senso di allarme, potremmo essere cullati nel pensare che "anche questo passerà", come è successo durante le divisioni degli anni '60 e '70.

Forse lo farà, ma quelli di noi che sono qui da molto tempo devono ricordare alla nuova generazione che ciò che è passato è un prologo e che è prudente procedere con cautela.

Sette passi sulla strada per distruggere una democrazia

1. Infìltrati nelle scuole e piega le menti della generazione emergente;
2. Scegli un insieme di “vittime” per polarizzare la popolazione;
3. Gioca sui sensi di colpa nelle brave persone;
4. Sviluppa un lessico di etichette e applicale libe- ramente agli individui per mantenerli in linea;
5. Forza i media e spegni gli organi indipendenti della libertà di parola e di pensiero, applicando le etichette e gridando ogni dissenso;
6. Minaccia le infrastrutture statali democratiche scavalcandole costantemente o ignorando il passato;
7. Dì al pubblico cosa vuole sentire mentre viene fatto tutto ciò che meglio si adatta all'agenda dei disgregatori.

Dorothy Dobbie

Dorothy Dobbie è stata parlamentare conservatrice progressista di Winnipeg South, 1988-1993

Articolo riprodotto con il permesso di Beyond the Hill, rivista della Canadian Association of Former Parliamentarians

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.