Il Papa ai “Cattolici Contro-Cultura”:
siete dentro o fuori?

di Joe Volpe del March 19, 2021

TORONTO - Anche se sei il Papa, puoi passare da eroe a inetto più velocemente di una superstar che sbaglia un gol a porta vuota. Quando va tutto bene siamo tutti amici.

La vita è dura. Cerchiamo di viverla nel miglior modo possibile, servendoci di tutte le risorse che possiamo per renderla piacevole, soddisfacente e piacevole.

Non possiamo farlo da soli. La famiglia aiuta - siamo tutti "nati in una".

Tuttavia, anche loro hanno bisogno di un contesto per elaborare limiti, guidare il comportamento, fornire prospettiva e definire lo scopo per i singoli membri, man mano che maturano, all’interno dei gruppi familiari e oltre. “Le Chiese” e la loro "connessione di fede" aiutano.

Le "Chiese" hanno generato "scuole", istituzioni di servizi sociali e raggruppamenti socio-politici per tramandare quelle "tradizioni", "codici", "strutture giuridiche" e norme - sia con mezzi orali che scritti. Resistono, nonostante gli stress che il pubblico, gli agitatori e le contro culture impongono loro.

D’accordo con loro o non, negli ultimi quarant’anni, alcuni degli individui più dinamici e ispiratori del mondo sono emersi dalle file di quelle "chiese": gli ayatollah iraniani, il Dalai Lama, l’arcivescovo Desmond Tutu, i papi Giovanni Paolo II e Francesco. Solo gli Ayatollah possono comandare delle forze militari.

In Canada, il magistero del Papa – autorità e insegnamenti sui princìpi religiosi per coloro che sottoscrivono la fede cattolica – è codificato nella legge e protetto da prerogative costituzionali.

Ciò significa che la sua parola è definitiva su questioni di "cattolicità" nelle scuole cattoliche separate (finanziate con fondi pubblici) in Ontario.

Per alcuni amministratori (trustee) e alleati del Catholic District School Board che pregano nella "Chiesa di Twitter”, il chiarimento del Papa su questioni di sessualità è caduto sulla loro scrivania con un tonfo della realtà.

Li costringerà a prendere una decisione. Le loro opinioni, accettabili nel gruppo della contro-cultura (i quali non sono necessariamente sostenitori della scuola cattolica), non possono più essere diffuse come rappresentative di un Codice Cattolico all’interno di quelle strutture educative.

Coloro che promuovono il Codice Cattolico lo fanno nella consapevolezza che le loro opinioni sono coerenti con l’ortodossia cattolica e la legge del Paese.

Naturalmente, non si può mai legiferare sulla sincerità.

Gli amministratori (trustee) e il personale del TCDSB che hanno sprecato preziose risorse di reputazione e materiali, nel tentativo di sostituire il magistero e di provocare un’interpretazione giuridica inappropriata del rapporto tra scuole cattoliche, Ministro e pubblico dovrebbero ritirarsi.

PER LEGGERE I COMMENTI PRECEDENTI: https://www.corriere.ca/il-commento

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.