Minaccia o promessa:
class action da $50 milioni
contro i fiduciari anti-cattolici del Tcdsb

di Joe Volpe del June 1, 2021

TORONTO - La maggioranza silenziosa sembra non voler più tacere. Il 21 maggio 2021, la Corte Suprema del Canada (SCC) ha emesso una decisione unanime riaffermando i diritti costituzionali delle organizzazioni religiose volontarie di essere libere dall'interferenza dello Stato su questioni di dottrina e dogma.

Dottrina e dogma sono al centro di un sistema di credenze che determina come le persone scelgono di vivere la propria vita, costruire e coltivare una cultura che guida le relazioni interpersonali e alimenta una struttura di valori riconosciuti da tutti gli aderenti. Le scuole sono essenziali per questo processo.

I cattolici non sono pronti a rinunciare alle loro. Il sistema scolastico cattolico, pur non essendo stato direttamente parte della decisione, era in prima linea per i ricorrenti alla SCC, come lo era per alcuni dei suoi tradizionali avversari, se non "nemici", che si presentavano come partecipanti: Canadian Civil Liberties Association, British Columbia Humanist Association ed Egale Canada Human Rights Trust ("volto pubblico" del movimento LGBTQ).

La decisione di fatto ha detto loro che non possono avere alcuna pretesa sulle scuole cattoliche e ha riaffermato l'autorità del magisterium nel determinare il "carattere" delle scuole cattoliche. A Toronto, alcuni attivisti radicali che hanno preso il controllo del provveditorato e posizioni amministrative di alto livello, potrebbero di conseguenza essere esposti a potenziali contromisure legali.

Il 22 maggio, tre giorni prima che le parti - che hanno avuto successo con tale decisione della SCC - pubblicassero i loro commenti per pubblico consumo sulla sentenza, il Toronto Catholic District School Board è stato notificato con un "Avviso Formale" informando tutti che alcuni cattolici erano pronti a riprendersi ciò che è legittimamente loro per legge.

Il suo autore, Mark Evans, ex direttore di giornale e direttore professionale delle comunicazioni, sembra avere una rete di competenze legali per informare le sue decisioni. Lui ha preannunciato che il 1° giugno 2021 sarà avviata una "causa da 50 milioni di dollari - contro qualsiasi fiduciario che abbia votato, o autorizzato illegalmente - l'innalzamento di bandiere "anticattoliche di perversione sessuale-confusione di genere" davanti alla croce di Cristo in qualsiasi scuola cattolica dell'arcidiocesi di Toronto".

Evans ha rifiutato l'opportunità di elaborare via e-mail, ma il linguaggio del dibattito ha iniziato a cambiare. L'acrimonia nel resto della lettera è palpabile (non ristamperemo tutto) e avverte direttamente che l'autore – e altri per i quali presumibilmente parla –"... non soffrirà silenziosamente... il vostro assalto anti-cattolico a quelli di noi che sono fedeli cattolici".

Praticamente tutte le agenzie cattoliche più riconoscibili - tra cui la Catholic Civil Rights League, REAL Women, PAFE, Cardinal Collins - insieme ai media mainstream (CBC, CTV) sono state avvertite e messe in copia per conoscenza.

Se Evans darà seguito a questa causa multimilionaria, contro i "fiduciari dissenzienti", sarà accumulata alle altre già presentate o preparate contro il TCDSB e quei fiduciari dissidenti la cui legittimità a mantenere l'incarico è stata contestata, ma rimane irrisolta.

Per essere chiari: il Corriere Canadese ed il suo editore hanno denunciato un contenzioso con quattro fiduciari per diffamazione a mezzo stampa, calunnia e diffamazione.

Le scuole restano chiuse. La programmazione per quest'anno o per il prossimo settembre sembra essere rinviata ancora una volta. Nulla di tutto ciò sembra perturbare il Direttore dell'Istruzione al TCDSB o i suoi fiduciari dissenzienti. Stanno procedendo con "cerimonie virtuali" per celebrare l'inaugurazione del Pride Month. Evans e persone come lui promettono di non fermarsi.

PER LEGGERE I COMMENTI PRECEDENTI: https://www.corriere.ca/il-commento

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.