Del Grande vs TCDSB: un processo
che non avrebbe mai dovuto tenersi

di Joe Volpe del 4 November 2022

TORONTO - Il consiglio dei fiduciari del Toronto Catholic District School Board è un'organizzazione totalmente "incasinata" o è guidata da personale incompetente e malizioso. Da tre anni entrambi perseguono uno dei loro trustee con una vendetta caratteristica di un odio amaro che francamente pensavamo fosse assente dalla società canadese. Allora, cos'è successo?

I giudici nella causa Del Grande vs TCDSB hanno il compito di risolvere questo problema per i contribuenti che credono ancora in un sistema educativo basato sui valori cattolici.

Sfortunatamente, non saranno in grado di farlo prima che il Provveditorato finisca di spartirsi il bottino elettorale.

Tuttavia, i giudici devono essere "al di sopra del trambusto" mentre esaminano le presentazioni delle parti nel contenzioso che ha impiegato 46 mesi per atterrare sulle loro ginocchia. I magistrati sono come la gente comune. Tutti hanno avuto una madre, sono stati giovani, probabilmente si sono innamorati, molto probabilmente hanno avuto famiglie proprie o ci hanno provato, hanno vissuto le tensioni dei rapporti interpersonali, forse hanno apprezzato qualche genere musicale e hanno sicuramente imparato a leggere.

In un Tribunale, quelle esperienze di vita li aiuteranno ad affrontare la domanda che un laico non così immerso nella disciplina del diritto si farebbe: “perché siamo arrivati a questo punto; di che si trattava?".

Il dottor Charles Lugosi, legale del querelante Michael Del Grande, è stato conciso nella sua sintesi. Il Toronto Catholic District School Board (TCDSB) non aveva l'autorità legale per ribaltare la sua precedente decisione su una questione di Codice di Condotta che coinvolgeva uno dei suoi stessi fiduciari.

I consigli scolastici sono vincolati dalla Costituzione del Canada e dallo Statuto provinciale, ha affermato. Le politiche del consiglio e la legge statutaria non sono intercambiabili. Una volta che un Provveditorato effettua una "determinazione" di diritto (functus officio), solo un procedimento giudiziario, non il Consiglio, può modificare la decisione.

L'argomento in questione è se il Consiglio sia stato corretto, equo e se abbia rispettato l'integrità della Legge; oppure se ha ceduto alle pressioni politiche per manipolare le regole e l'interpretazione delle politiche per "rovesciare" i risultati per proprio uso e consumo.

Sicuramente il provveditorato non ha ricevuto, né considerato, "fatti nuovi" o dati precedentemente sconosciuti. Certamente non lo è stato quando il Corriere ha seguito il dibattito in diretta, né durante la revisione delle videocassette. Il consiglio ha decisamente esposto Del Grande ad un "doppio pericolo".

Ad ogni prova di "ragionevolezza" applicata al processo decisionale del Consiglio durante l'intera vicenda, il Provveditorato fallisce.

Quando sono stati presi i voti per ribaltare la determinazione e applicare le sanzioni più severe, due amministratori, Lubinski e Tanuan, sono usciti dall'assemblea disgustati. Un terzo fiduciario, Crawford, ha applicato il punto esclamativo verbale al risultato quando ha detto: "questo è abominevole"! C'è una registrazione video della trascrizione.

Lugosi ha sottolineato che non ci sono altre questioni da considerare per i giudici, nonostante gli sforzi piuttosto obliqui da parte del Ministero della Procura Generale di insinuare temi di affermazione di genere nell'udienza.

Il querelante, ha sottolineato Lugosi, non ha mai menzionato, né fatto riferimento a, membri delle comunità non binarie in nessuna delle sue dichiarazioni. La cosa più significativa, ha sottolineato Lugosi, è che se l'avesse fatto, sarebbe stato citato in giudizio in tribunale o accusato di incitamento all'odio in tribunale penale. Nessuno dei due casi si è verificato.

Il caso è costato centinaia di migliaia di dollari finora e costerà di più dopo che il Tribunale avrà preso la decisione. Alcune carriere potrebbero presto assomigliare a bambole di pezza consumate. Tutto questo era necessario?

Dato il clima nell'ambiente educativo di oggi, il direttore dell'istruzione, Brendan Browne, dovrà assumersi la reponsabilità; potrebbe iniziare a "sentire un po' di caldo".

Nelle foto in alto: Brendan Browne, direttore del TCDSB, in una foto pubblicata su Twitter e, nella foto piccola, l'avvocato Charles Lugosi

Prossimo articolo: che fine farà l’albo degli insegnanti

PER LEGGERE I COMMENTI PRECEDENTI: https://www.corriere.ca/il-commento/

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.