Campagna della CBC
per infangare i cattolici

di Joe Volpe del July 30, 2021

TORONTO - È giunto il tempo di tagliare i fondi alla CBC? L'emittente nazionale canadese, la CBC, è sotto la lente d’ingrandimento. Sta perdendo quote di mercato degli spettatori. I suoi rapporti annuali possono tentare di camuffare il fatto, ma le altre reti e i loro alleati della carta stampata sono sempre pronti a sottolineare che, a parte la "tangenziale di Ottawa" e i "progressisti urbani" nelle principali città del paese, non c'è "seguito” per la CBC.

Eppure, beneficia di finanziamenti federali che superano $1,2 miliardi all'anno, senza contare qualsiasi altro accesso al finanziamento del programma sotto vari dipartimenti governativi progettati per coltivare le espressioni culturali/storiche della diversità multilingue, multiculturale e "multi-storica" del Canada.

Il suo scopo era di/dovrebbe aiutare a costruire e sviluppare un paese – anche educare i suoi cittadini ai valori che hanno preceduto il presente. Per lo meno, potrebbe riferire sulle dinamiche economiche e politiche che richiedono coordinamento e/o circumnavigazione per arrivare ai compromessi necessari per far funzionare la nostra nazione.

Non sorprende che alcuni recenti eventi abbiano galvanizzato l'attenzione del pubblico su alcuni eventi infelici se non deplorevoli della nostra storia, per usare un eufemismo. Sono "frutti più a portata di mano" per il giornalismo pacchiano e il discorso politico di "topolino".

Non è un segreto che nelle ultime settimane diverse dozzine di chiese (per la maggior parte cattoliche) siano state bersagli di vandali e piromani. Apparentemente, questi atti di violenza, intolleranza e mancanza di rispetto sono legati alla "scoperta di tombe senza nome" dove un tempo operavano le scuole residenziali. Nessuno ha fornito prove, ma….

Tuttavia, la violenza è un momento di apprendimento per i costruttori di nazioni e un'opportunità per il giornalismo serio di impegnarsi in un'indagine equilibrata. La segnalazione della CBC avrebbe difficoltà a corrispondere a tale descrizione, se due "storie" pubblicate sul suo sito Web forniscono qualche indizio. Il loro intento sembrerebbe essere finalizzato a uno sforzo concertato in corso per screditare la Chiesa cattolica – e, per estensione, i suoi aderenti.

Normalmente ciò inviterebbe a un dibattito bidirezionale sui fatti. Le osservazioni ad hominem sono invece l'opzione preferita. Il primo articolo (il prete cattolico di Winnipeg accusa i sopravvissuti della scuola residenziale di mentire sugli abusi per denaro) riflette sulle dichiarazioni infelici di un prete del Manitoba – aggravate dalla selettività – e si chiude con il seguente invito: Avete informazioni su tombe, bambini che non sono mai tornati a casa o personale scolastico residenziale e operazioni? Invia i tuoi suggerimenti via e-mail al nuovo team guidato da indigeni della CBC che indaga sulle scuole residenziali: WhereAreThey@cbc.ca. Il sacerdote è stato rimosso dall'ufficio in fretta e furia.

Il secondo, intitolato "Milioni destinati ai sopravvissuti alle scuole residenziali spesi per avvocati della Chiesa cattolica, amministrazione: documenti" si riferisce ad alcuni "documenti" inizialmente presentati come attuali ma in realtà sono documenti del tribunale presentati alla Corte nel 2015. Cioè, sei anni fa, quando il giudice Neill Gabrielson approvo un Accordo che delinea gli impegni della Chiesa cattolica nei confronti della comunità indigena.

La CBC ha contattato un ex giudice della Corte provinciale del Saskatchewan e direttore dell'Indian Residential School History and Dialogue Center dell'Università della British Columbia a Vancouver. Ha rivisto i documenti su richiesta della CBC. Non c'è una registrazione prontamente disponibile delle sue opinioni nel 2015, ma [oggi] si legge che abbia detto: "Questo è incredibilmente, assolutamente disgustoso. È completamente sbagliato... Come si potrebbe fare qualcosa del genere".

Dov'era nel 2015 quando il suo [ex] collega ha fornito il suo sigillo di approvazione? È giusto chiedere se fornisce la sua recensione pro bono?

PER LEGGERE I COMMENTI PRECEDENTI: https://www.corriere.ca/il-commento/

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.