Migliaia di posti di lavoro persi in Canada

di corriere canadese del May 14, 2021

TORONTO - L’ultima chiusura di attività commerciali e settori economici in varie regioni del Canada ha costretto centinaia di aziende a licenziare un gran numero di dipendenti. Secondo Statistics Canada, la chiusura ha causato una perdita di 207mila posti di lavoro ad aprile; 129milaposti di lavoro a tempo pieno e78mila a tempo determinato.

La più alta percentuale di perdita di posti di lavoro si è concentrata nelle città in cui sono state applicate chiusure di imprese e rigide misure di controllo Covid-19 per cercare di fermare l’aumento delle infezioni. Le province più colpite sono state l’Ontario e la British Columbia. Mentre l’Ontario ha perso 153mila posti di lavoro e il tasso di disoccupazione è salito al 9%, la British Columbia ha perso 43mila posti e il suo tasso di disoccupazione è rimasto al 7,1%.

Secondo Alberto Calva, direttore di Acus Consulting, il settore più colpito è stato quello alberghiero e della ristorazione, seguito dalla vendita e dalla cultura. Quasi la metà delle persone che hanno perso il lavoro è costituita da giovani, tra i 15 e i 24 anni. La maggior parte di queste perdite si sono avute in settori duramente colpiti che danno lavoro a molti giovani, come il settore dello spettacolo.

L’aumento dei casi di Covid-19 dovuto a una combinazione di varianti in rapida diffusione e un lancio di vaccini afflitto da ritardi e confusione ha portato le autorità canadesi nelle ultime settimane a reintrodurre rigide misure di contenimento che hanno interessato i posti di lavoro in settori a stretto contatto.

I dati sull’occupazione indicano un inizio difficile per l’economia nazionale nel secondo trimestre. Le ore lavorative, strettamente legate alla produzione, sono diminuite del 2,7% ad aprile, il calo mensile maggiore dalla profondità della recessione.

Le previsioni economiche stimano la perdita di circa 175mila posti di lavoro; tuttavia, i dati mostrano che il tasso di disoccupazione è stato più elevato.

Un’indagine condotta da Angus Reid, un’organizzazione senza scopo di lucro, garantisce che la metà di coloro che hanno perso il lavoro o l’orario di lavoro e avverte che i licenziamenti avranno gravi implicazioni nel medio e lungo termine.

Tuttavia, nonostante la battuta d’arresto, gli analisti si aspettano un rapido rimbalzo già a giugno, una volta revocate le misure di contenimento e l’economia è destinata a tornare sulla strada della piena ripresa, come è avvenuto dopo i precedenti lockdown.

La maggior parte delle perdite è stata limitata a settori esposti alla pandemia, come la vendita al dettaglio, l’alimentazione e l’alloggio, segno che il rallentamento non è diffuso.

Il Paese ha un forte record di recupero dopo le precedenti ondate del virus, rafforzando la fiducia che farà di nuovo lo stesso.

Silvia Mendez

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.