Si alza il sipario su Project Arrow:
la "Canada's Car" a Las Vegas
al CES 2023

di corriere canadese del 10 January 2023

Pubblichiamo un articolo di Emma Jarratt uscito su Electric Autonomy Canada, piattaforma di notizie indipendente che riporta la transizione del Canada verso veicoli elettrici, trasporto autonomo e nuovi servizi di mobilità.

LAS VEGAS - I riflettori di tutto il mondo sono puntati su Project Arrow, mentre il prototipo di veicolo elettrico completato ha debuttato al CES 2023 (nella foto sopra - APMA), consolidando il suo status di biglietto da visita per l'esperienza automobilistica made in Canada.

Flavio Volpe (nella foto sopra, davanti al prototipo al CES2023) è, per sua stessa ammissione, ossessionato dalle auto. Tutto è iniziato quando Volpe, ora presidente della Canada's Automotive Parts Manufacturers' Association, aveva sette o otto anni. L'amante delle auto Zio Tony (alias Uncle Tony) amava regalare a Volpe, il suo giovane nipote, un brivido facendolo entrare nel vialetto di famiglia appollaiato al posto di guida dell'ultima fuoriserie: una settimana era una BMW Serie 7, un'altra settimana una Porsche 911 e, con il bel tempo, la Ferrari 308. Lo zio Tony guidava Volpe, bullone dopo bullone, attraverso ciascuna delle insolite corse.

La prima auto di Flavio Volpe fu una Corvette del 1976 acquistata per 3.500 dollari nel 1998 (foto: Flavio Volpe) 

La preferita di Volpe era la Ferrari. È stato un amore cementato quando suo padre, politico (per niente amante delle automobili), lo ha intrufolato in un tour dietro le quinte dello stand Ferrari al Toronto Auto Show quando Volpe aveva 10 anni.

Con un rapido salto in avanti di 35 anni, Volpe si trova nel mezzo di un'altra fiera. È il Consumer Electronics Show (CES) 2023 a Las Vegas e Project Arrow, il veicolo elettrico all'avanguardia che Volpe ha contribuito a costruire da zero - il suo "quarto figlio" - sta lanciando nel mondo. Oggi, Project Arrow (affettuosamente soprannominato "Canada's Car") ha fatto il suo debutto internazionale davanti a decine di migliaia di partecipanti da tutto il mondo, tre anni dopo che il progetto era stato annunciato per la prima volta al CES 2020. Molto più di una pietra miliare personale per Volpe, il debutto di Arrow è il culmine di uno sforzo trasversale che coinvolge più di 50 aziende, tre governi e centinaia di ingegneri, project manager, designer e studenti. Il loro duplice obiettivo: mostrare al mondo le competenze di progettazione, ingegneria e produzione automobilistica canadese nell'era dei veicoli elettrici e ispirare talenti e capitali locali a continuare a innovare. "Questo ci consente di proporre un punto focale per la prossima generazione di ragazzi pazzi per le auto", afferma Volpe, in un'intervista con Electric Autonomy poco prima del debutto di Arrow. "Possiamo fare un'auto, puoi fare la tua auto e, forse, puoi creare la tua compagnia automobilistica".

Project Arrow sulla scena mondiale

Non è mai stato nel DNA di Arrow (o Volpe) strisciare attraverso la porta. Fin dall'inizio, Project Arrow non è stato così umilmente ancorato alla leggenda canadese, l'Avro Arrow. Serve come utile riconoscimento del marchio e aiuta a valutare l'entità della sfida nella mente del pubblico. "Il Primo Ministro ci ha sfidato a immaginare il futuro della mobilità 'net zero' del Canada e il Premier dell'Ontario ci ha sfidato a costruirlo", ha dichiarato Volpe in un comunicato stampa.

Ma in questa iterazione della storia di Arrow, a differenza dello sfortunato progetto aereo, la versione stradale è vissuta abbastanza da vedere il completamento della missione.

"È una pietra miliare storica, certamente, per il Canada", afferma Victor Fedeli, Ministro dello Sviluppo Economico, della creazione di posti di lavoro e del commercio dell'Ontario, in un'intervista a Electric Autonomy. “[Avro Arrow] era davvero leader dell'innovazione canadese all'epoca, generazioni fa. È andata diversamente (a causa della politica). Ma qui abbiamo un nuovo Project Arrow che è anche un'innovazione all'avanguardia e ha quell'approccio positivo".

Flavio Volpe (mentre saluta) e membri del team del Project Arrow (foto: Flavio Volpe/Twitter)

Che l'introduzione di Arrow al mondo stia avvenendo durante la più grande conferenza tecnologica del pianeta non sta tanto buttando giù la porta quanto demolendo un umile e basso edificio e costruendo al suo posto un grattacielo di 30 piani. "Non abbiamo una nuova casa automobilistica in questo Paese da oltre 100 anni", afferma Volpe. "È difficile definire cosa siano le auto canadesi: sono sempre auto per qualcun altro. Spero che l'eredità di Arrow genererà diverse startup di produttori di automobili in Canada. Forse il prossimo Elon Musk è un canadese in piena regola?".

Ci sono voluti tre anni dall'ideazione alla costruzione per realizzare Arrow e questo includeva la navigazione in momenti difficili come una pandemia, il collasso della catena di approvvigionamento e una crisi di blocco commerciale. Ma Project Arrow sta ora realizzando la sua intenzione di essere il biglietto da visita per il talento automobilistico canadese. "Molti partner del settore canadese si sono davvero riuniti per progettare e costruire questo", afferma Fedeli. "Questo è stato, credo, un lavoro d'amore per molte persone. E penso che sia la dimostrazione non solo che l'industria è entusiasta per l'Ontario, ma anche che il nostro governo è entusiasta".

In totale, oltre 50 aziende canadesi hanno fornito tecnologia software e hardware a Project Arrow. Due istituti post-secondari sono stati coinvolti nella progettazione e costruzione e un'ulteriore struttura di ricerca e sviluppo ha fornito supporto ai test. Il progetto ha ricevuto 8,2 milioni di dollari in finanziamenti combinati dai governi federale, dell'Ontario e del Quebec. Il risultato di tempo, sforzi e spese è un prototipo completamente funzionante di un'auto del futuro interamente canadese. “È come un punto di prova quando cerchiamo aziende da localizzare in Ontario. Lo indicheremo ora come progettazione, produzione e assemblaggio end-to-end di veicoli", afferma Fedeli.

I punti salienti della tecnologia

Il menu delle opzioni tecnologiche in Arrow è ampio. Telematica, sistemi di controllo della cabina intelligenti, funzionalità di ricarica wireless, sistemi di guida autonoma, difese di sicurezza informatica a più livelli, software di monitoraggio della salute e un telaio stampato in 3D sono solo alcune delle funzionalità all'avanguardia di Arrow. Ogni componente del veicolo è diverso, ma tutti hanno una cosa in comune: Arrow può essere l'auto di domani, ma è la tecnologia e le parti di oggi. “Lo scopo del progetto era costruire un'auto in modo da poter attirare più attenzione sulle tecnologie dei fornitori. Poi abbiamo sfidato i fornitori ad avere la tecnologia commercialmente più avanzata che hanno a disposizione per la vendita agli OEM e ai Tier 1", afferma Volpe. Lo scopo di Arrow nella fase successiva del suo viaggio sarà quello di fungere da showroom mobile. Gli spettatori possono, letteralmente, chiamare i fornitori di Arrow e acquistare la tecnologia dall'auto. Il lancio del veicolo al CES segna l'inizio di un tour di due anni che porterà l'Arrow a diversi eventi e saloni automobilistici in tutto il mondo, dimostrando ancora e ancora che aspetto ha la qualità made in Canada.

Il road show 2023 di Project Arrow toccherà Toronto, Montreal, Detroit, Palo Alto, Las Vegas e Sant'Antonio (immagine: Project Arrow)

Ma la domanda su Arrow nel suo insieme e non solo sulle sue parti continua a tornare in mente a Volpe. Arrow entrerà in produzione? In questa fase, Volpe non si esprime. Ma sottolinea che Arrow ha già superato le aspettative, quindi chi può dire cosa riserverà il futuro? “Questo è un progetto dimostrativo realizzato da un'associazione di categoria. Quindi, c'è una lunga ombra tra l'intenzione e la realtà", dice Volpe. "Se qualcuno vuole prendere Arrow e portarlo oltre la linea, vogliamo assolutamente avere quella conversazione".

L'eredità di Arrow

Nel 2020, Zio Tony è morto dopo una battaglia contro il cancro. Ha vissuto abbastanza a lungo perché il suo "compagno di macchina" di lunga data, Volpe, gli parlasse del Project Arrow.

L'amore per le auto di zio Tony ha acceso la passione di Volpe (foto: Flavio Volpe)

"Gli ho detto che avremmo realizzato la nostra macchina", ricorda Volpe. “Suonerà come se l'avessi inventata io, ma lui ha detto: 'Ho sempre saputo che avresti fatto qualcosa del genere'. E sapete una cosa? Ora devo farlo. Se fosse stato al CES 2023 per vedere il sipario alzarsi sul progetto Arrow di suo nipote, Volpe crede che Tony - il cui orgoglio e gioia era la sua piccola Fiat 600 - avrebbe "versato una lacrima".

E mentre per Volpe l'Arrow può simboleggiare la realizzazione di un sogno d'infanzia condiviso tra lui e suo zio, il potenziale che ha sbloccato per i fornitori di componenti canadesi potrebbe facilmente trascendere il mondo automobilistico e toccare tutti i modi di passare da A a B. “Quello di cui stiamo parlando qui è la tecnologia della mobilità. Partiamo da un'auto, ma in realtà stiamo parlando di tecnologie che aiutano persone e merci a muoversi", afferma Volpe. “Molti di questi set di abilità, sia delle aziende che delle persone, sono così facilmente traducibili e trasferibili. Il Canada può e deve essere leader nel trasporto pulito e connesso. L'obiettivo delle aziende che hanno collaborato con noi è quello di fare affari ovunque li porti". Quindi, in breve, il messaggio canadese che Arrow sta portando in giro per il mondo è semplice, fortemente condito da Enzo Ferrari, la casa automobilistica che ha dato il via a tutto per Volpe. "Se puoi sognarlo", ha detto Ferrari, "puoi farlo". Per Volpe, Arrow ne è la prova vivente.

L'interno e la veduta frontale di Project Arrow (foto: James Carter)

L'articolo, scritto dalla giornalista Emma Jarratt, è stato pubblicato su Electric Autonomy Canada e tradotto in Italiano da Marzio Pelù. Per leggere la versione originale in Inglese: Curtain lifts on Project Arrow, “Canada’s Car,” in Las Vegas at CES 2023

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.